Tempo di lettura: 1 Minuti

Elezioni amministrative: candidarsi a 22 anni, la scelta di Marco Corbucci

Elezioni amministrative: candidarsi a 22 anni, la scelta di Marco Corbucci

Oggi vi parliamo di una candidatura molto interessante, ossia un under 22 che ha deciso di lanciarsi nella sfida elettorale delle Amministrative 2018.

Lì dove mancano le relazioni: ecco la generazione Sneet
L’università di Messina cerca un sostituto per Pietro Navarra
Ennesima dissertazione su ricchi e poveri a scuola

Oggi vi parliamo di una candidatura molto interessante, ossia un under 22 che ha deciso di lanciarsi nella sfida elettorale delle Amministrative 2018.

Marco Corbucci è candidato Consigliere Comunale a Viterbo nella lista “La voce dei giovani viterbesi”, che ha come motto l’hashtag #svecchiamoViterbo. È un messaggio forte che vede una chiara risposta verso chi crede che la politica non sia più interesse dei giovani.

Marco, hai deciso di lanciarti in una sfida elettorale difficile, perché e soprattutto come mai per “La voce dei giovani viterbesi”?

Ho deciso di intraprendere questa esperienza perché molto spesso le opinioni ,idee e le esigenze di noi giovani non sono ascoltate in particolar modo nell’ambito della politica. Credo che la mia esperienza da studente di scienze politiche possa essere utile a coniugare le richieste sia di un letterato più giovane che di uno più adulto .
Ho scelto la voce dei viterbesi perché sono un’unicum in quanto non si era mai vista una lista civica composta esclusivamente da Under 30.
Va precisato che giovinezza non fa rima con inesperienza in quanto a guidarci ci sono due candidati adulti con esperienza alle spalle e una candidata sindaco che se ben giovane ha alle spalle una corposa e soddisfacente carriera politica.

 

Parlaci un po’ del progetto che volete portare avanti, chiaramente di rinnovamento.

Il nostro obiettivo è quello di una politica giovane fresca e nuova ,in particolar modo credo che la centralità del nostro gruppo sia quella di rappresentare al meglio l’elettorato .
Ciò risulta più facile per noi essendo presenti all’interno dello stesso le varie categorie di persone che poi andranno a votare come ad esempio lavoratori studenti , giovani che cercano lavoro e persone con disabilità .
Credo che per poter comprendere e rappresentate al meglio una categoria di elettori non ci sia migliore cosa che farne parte.

Credi che la politica sia ancora a misura di cittadino e studente?

Indubbiamente credo che il nostro gruppo sia nato da esigenza di rappresentanza e da una mancanza di considerazione delle esigenze sia degli studenti e che dei giovani. Dunque ti rispondo di no ,attualmente non ci sentiamo considerati e le nostre esigenze e le nostre proposte spesso rimangono in un limbo.
La mia e la nostra speranza è quella di aprire un varco, è quella di far capire che la nostra voce c’è e che è forte e vuole far ricordare ad una classe politica rappresentata dalle solite facce che noi ci mettiamo in gioco. Esistiamo e se loro non avessero fatto valere le loro idee da giovani così come facciamo noi non sarebbero dove sono ora, perché anche loro anche se difficile da ( sia per noi che per loro ) crederlo sono stati giovani.

Quali sono le tue proposte “cavallo di battaglia”?

Essendo l’obiettivo la qualità della politica abbiamo deciso che ciascun candidato si debba dedicare al settore più vicino e più affine e ai propri interessi e alle proprie necessità .
Io essendo un’amante dell’architettura e dell’arte mi soffermo perlopiù in ambito turismo e della vivibilità del centro storico. Il mio obbiettivo è quello di far capire che il centro storico è una fonte di turismo da sfruttare sia di giorno che di notte; le mie proposte sono semplici e non difficili da realizzare.

La mia prima proposta è una proposta utilizzabile anche a Roma, e rappresenta una mediazione tra le esigenze dei residenti del centro storico e i giovani e turisti che lo frequentano la sera .
Tutti sappiamo che sia a Viterbo che a Roma (dove ora vivo )ci sono dei regolamenti che determinano la chiusura dei locali all’incirca dall’una e mezza alle due per evitare giustamente schiamazzi notturni per le strade. Questa legge ha però la conseguenza di creare una specie di coprifuoco all’interno dei centri. La mia proposta è quella di creare un duplice binario.

Da una parte interrompere la vendita di bevande da asporto quindi all’esterno dei locali ma allo stesso tempo permettete di far continuare le attività all’interno dei locali, è interesse dei gestori e dei proprietari di mantenere il decoro e la compostezza , attuando questo metodo si favorisce il turismo e si crea un centro vivo ed internazionale e allo stesso tempo decorso e facile da vivere .

Inoltre, sempre per potenziare il turismo, vorrei creare con il contributo di artisti locali un arco che sottolinei l’entrata al centro storico di Viterbo. Il centro storico di Viterbo è un’unicità essendo il borgo medievale integro più grande d’Europa (infatti a differenza delle altre città italiane la parte rinascimentale e successiva si sono sviluppate in un area differente da quella del nucleo medievale ).
Questa proposta rappresenterebbe anche un’unione tra passato e futuro infatti darebbe la possibilità a giovani artisti emergenti di rappresentare il glorioso passato di Viterbo in una chiave più moderna tramite la realizzazione di questo arco di entrata.

Altre proposte sono proposte di natura più tecnica. Come d’esempio un adattamento degli orari della ZTl sopratutto serali , il prolungamento dell’orario di apertura dell’ascensore che collega il centro storico ai parcheggi. Introduzione di nuovi bagni pubblici all’interno del centro storico per favorire il turismo. Credo che sia necessario anche far emergere le proposte più tecniche perché molto spesso le nostre idee possono risultare troppo creative e poco pratiche. Quindi far notare anche la nostra praticità è importante.Inoltre vorrei ricordare proposte degli altri candidati che riguardano ad esempio la risoluzione dei problemi degli studenti universitari nel rapporto con le istituzioni,le necessità dei giovani imprenditori , la gestione verde pubblico , e piani di gestione ed integrazione degli immigrati.

Che sensazioni avete per il voto del 10 giugno?

In relazione al 10 giugno sarebbe non veritiero dire che che non ci siano ansia e preoccupazione. Però d’altra parte ci sono speranza e consapevolezza di fare un qualcosa di giusto e necessario. Anche di avere un supporto sia da parte dei candidati più adulti ma anche da parte di un candidato sindaco che è un uscente vicesindaco che è riuscita ad incrementare tantissimo Il turismo a Viterbo e ridurre la criminalità, anche grazie all’introduzione di un numero importante di telecamere autorizzate.

Un messaggio che vuoi lasciare ai tuoi concittadini che stanno leggendo le tue parole:

Ai viterbesi chiedo di darci la fiducia che ci meritiamo ,chiedo di ascoltare le nostre richieste anche perché le richieste dei giovani sono le richieste di coloro che rappresentano il futuro sono le richieste dei propri figli ,dei propri nipoti e dei propri fratelli più piccoli chiedo anche che considerano il fatto che anche se siamo giovani possiamo comunque avere una credibilità e possiamo rappresentare anche le esigenze dei più grandi.

Marco, grazie mille di aver risposto alle nostre domande e in bocca al lupo con la campagna!

Ringrazio Facce caso di questa opportunità che mi è stata data anche perché così come voi con il mondo dell’informazione noi cerchiamo di entrare a gamba tesa in un mondo spesso fatto di solo gli adulti come quello della politica.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0