Tempo di lettura: 1 Minuti

Walmart paga l’università ai dipendenti

Walmart paga l’università ai dipendenti

Il colosso americano Walmart ha deciso di finanziare i suoi dipendenti con fondi per l’università. Vediamo di che si tratta questa iniziativa interess

Nella guerra dei dazi ci finiscono anche gli studenti
L’Università La Sapienza di Roma offre assistenza sanitaria ai propri studenti
Secondo TechCrunch il mondo delle startup è morto: come stanno le cose?

Il colosso americano Walmart ha deciso di finanziare i suoi dipendenti con fondi per l’università. Vediamo di che si tratta questa iniziativa interessante.

Walmart dal cuore d’oro, almeno con i suoi assunti. Il colosso commerciale americano, che con 500 miliardi di dollari di fatturato è trentesimo tra i 100 marchi di maggior valore, spinge per un’iniziativa interessante.
Un impegno che negli Stati Uniti non è mai stato economico, tutt’altro, solo che l’azienda ha deciso di avviare un programma di finanziamento universitario per i propri dipendenti.

Attualmente vige la regola del prestito studentesco nel paese a stelle e strisce, causa di alti indebitamenti per gli studenti. Parliamo di miliardi di dollari di prestiti bancari da ripagare.
Questa proposta sembrerebbe alternativa, almeno per chi lavora per Walmart.
Si parla di una richiesta per chi ha almeno 90 giorni di contratto part-time o full-time. Walmart coprirà tutti i costi dell’università, dalle tasse alle spese per i libri, lasciando solo il costo simbolico di un dollaro al giorno. Nemmeno uscire anticipatamente dalla società comporterà risarcimenti, ma smetterebbe di ricevere il sussidio.

L’intesa è stata raggiunta con una partnership di tre college: University of Florida in Gainesville (Florida), Brandman University (California), Bellevue University (Nebraska).
Le lauree sono relative al business e supply chain management, gli ambiti di interesse della società.

L’investire sul talento, lo studio sta comportando benefici per le aziende, che possono sfruttare la concessione di bonus più redditizi rispetto ai tradizionali. Si ricavano in tale modo dipendenti più preparati.
A beneficiare di tale programma potrebbero essere ben 68.000 nei prossimi cinque anni. Non male.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0