Tempo di lettura: 2 Minuti

Ha ottenuto l’ammissione alle più prestigiose università americane

Augusta, una 17enne americana, ha sgominato qualsiasi concorrenza. Ci sono tanti ragazzi come noi che faticano ad entrare a medicina, che si uccidono

Pop Star e obesità
Riecco il TG USA, tra spie e…un processore quantistico
Florida: ennesima sparatoria a scuola

Augusta, una 17enne americana, ha sgominato qualsiasi concorrenza.

Ci sono tanti ragazzi come noi che faticano ad entrare a medicina, che si uccidono per studiare un test d’accesso a psicologia, architettura, veterinaria, che si spezzano il collo ma provare ad entrare in università come la Bocconi neanche a pensarci. E poi c’è lei: Augusta Uwamanzu-Nna, una 17enne nata negli Stati Uniti. Che avrà di speciale? Niente, è solo riuscita ad entrare nelle 8 migliori università americane, contemporaneamente. Ebbene sì, i famosissimi college cui tutti aspirano hanno accettato la sua domanda d’iscrizione ed ora spetta a lei sola decidere dove andare. Parliamo nientepopodimeno che di: Harvard, Dartmouth, Princeton, Cornell, Yale, Columbia, Brown e l’Università della Pennsylvania. Semplicemente le migliori d’America.

Dean Skarlis, preside dei consulenti alle ammissioni ai College di New York, l’aveva ben messa in guardia dal provarci:Li sconsiglio semplicemente perché, con tassi di accettazione che vanno dal 4 al 12%, rischiano di essere esclusi da tutti i college. Queste università sono estremamente competitive”. A spingerla, invece, i professori ed il consulente per l’orientamento della sua scuola, figura fondamentale che probabilmente dovremmo importare nella Penisola: “L’ho incoraggiata perché sapevo che poteva farcela”. Ed ha avuto ragione, perché la 17enne di origini nigeriane ha sbaragliato qualsiasi studente andando ad eguagliare il precedente record di un ragazzo, anch’esso di origini nigeriane, che era riuscito nell’impresa. “E’ cosi surreale – spiega Augusta al New York Times,- Non riesco ancora a crederci”. Ed invece, contro una probabilità del 10%, ha lasciato tutti noi senza stucco riuscendo nell’impresa: a lei la scelta ora, la dolcissima scelta.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0