Mestre, 94 alla maturità? No, grazie

Mestre, 94 alla maturità? No, grazie

Una studentessa di Mestre ha fatto ricorso al TAR perché riteneva ingiusto il suo 94. Scopriamo com'è andata. Per molti studenti il voto della maturi

Università di Bari: arriva il sostegno per gli studenti fuori corso
Vatican Hackathon: giovani supereroi
Il jeans non è più simbolo Usa

Una studentessa di Mestre ha fatto ricorso al TAR perché riteneva ingiusto il suo 94. Scopriamo com’è andata.

Per molti studenti il voto della maturità è del tutto secondario, l’importante è leggere la parola “ammesso” di fianco al proprio nome. Alcuni ragazzi, però, non si accontentano di conseguire il diploma e vanno giù di testa se il punteggio che ottengono non soddisfa le loro aspettative.

Aspettative che possono essere più o meno alte a seconda dei casi. C’è chi punta al 70, chi al 80 e chi invece non si sente appagato neppure di fronte ad un voto che va dal 90 in su. E’ il caso di una studentessa di Mestre che ha addirittura fatto ricorso al TAR perché riteneva ingiusto il suo 94.

In particolare la ragazza ha contestato le motivazioni che i commissari hanno fornito per “giustificare” le valutazioni attribuite alle sue prime due prove scritte: il tema e la prova di Economia Aziendale; valutazioni che gli hanno impedito di presentarsi all’orale con 70 e di ottenere, quindi, i punti bonus assegnati dalla commissione d’esame.

Ecco, indovinate un po’, ad un anno di distanza il tribunale regionale ha dato ragione alla studentessa. Il giudice, infatti, ha bollato le correzioni apportate alle due prove scritte della ragazza come assolutamente superficiali.

Nello specifico si è soffermato sulla prova di Economia Aziendale, sottolineando come la mancanza di originalità che è stata rimproverata alla candidata non sia una critica pertinente ad una prova di natura tecnica e matematica.

E ora? Beh, ora i commissari dovranno rimboccarsi le maniche e rivalutare in maniera decisamente più scrupolosa le due prove della studentessa ed eventualmente decidere se attribuirle o meno i punti bonus. Sicuramente non avrà fatto loro piacere finire sui giornali ma, se non altro, la speranza è che ora abbiano imparato a FacceCaso quando correggono.

#FacceCaso

Di Gabriele Saglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0