Ronaldo alla Juventus, quanto costa in relazione ai settori giovanili?

Ronaldo alla Juventus, quanto costa in relazione ai settori giovanili?

Impazzano le analisi sull’apporto che Ronaldo avrebbe sulla Serie A. Tra pro e contro noi ci chiediamo: su quanti giovani potrebbero investire i nostr

Germania VS inquinamento: 1-0
Wikipedia ha bloccato tutto
Gallipoli, l’assenza dà e l’assenza toglie…anzi no

Impazzano le analisi sull’apporto che Ronaldo avrebbe sulla Serie A. Tra pro e contro noi ci chiediamo: su quanti giovani potrebbero investire i nostri club con quella cifra.

112 milioni di euro netti al Real Madrid, 30 milioni netti per quattro anni a Cristiano Ronaldo. Costo complessivo lordo di tale operazione: 466 milioni di euro, più altri oneri accessori ed eventuali.
Sono prezzi veramente mostruosi, soldi che non vedremo nemmeno in mille vite. È il costo del cartellino del giocatore più forte del mondo, aggiudicato dalla squadra più forte d’Italia, che ora aspira a consacrarsi davvero come più forte d’Europa.

La trattativa era nata in sordina. Primi scoop, prime smentite, prese in giro per titoloni esagerati e da molti sentenziati come “solite balle di calciomercato”. Poi il vento sempre più forte, indiscrezioni, conferme dalla Spagna, nessuna smentita. Nell’arco di 10 giorni Ronaldo diventa bianconero. Non lasciando il Pizzighettone eh, ma il Real Madrid da tre anni consecutivi al vertice del calcio mondiale.
Ora, l’Italia è divisa in tre parti. Tutti gli juventini che stanno esplodendo di gioia, tutti gli antijuventini che stanno sprofondando di disperazione e infine tutti gli altri tifosi che cercano di valutare un po’ l’operazione tra contentezza e scetticismo.

Ora si parla di che impatto avrà sulla serie A, sul calcio italiano in generale. Positivo o negativo?

I pro e contro sono vari, anche se io propenderei maggiormente per i pro. Maggior competitività per il campionato, più sponsorizzazioni, interesse dall’estero, visibilità sui social, spinta delle altre squadre ad avvicinarsi a quel livello (magari arriva qualche altro top player in Italia). Ma ancora ripresa di interesse sapendo che c’è un campione del genere pronto a girare sui campi dello stivale.
I contro sono tutti intorno a due elementi. Se Ronaldo si confermerà ai suoi soliti livelli, nonostante vada per i 34 anni, e se sì, ucciderà il campionato più di quanto già non lo sia. In pratica un abisso incolmabile tra Juventus e tutto il resto.

Ma noi ci chiediamo: in tutto ciò, con questi prezzi, quanto la Serie A avrebbe potuto investire ancora di più sul settore giovanile?
Ci interessa fare questa comparazione perché risulta un elemento particolare. I 20 club di Serie A hanno speso l’anno appena trascorso circa 110 milioni di euro netti per i settori giovanili. Tutti insieme, in totale, una media di 5,5 milioni a squadra. Certo, sono trend in crescita negli ultimi anni, ma il dato è emblematico. Tutti i primavera e più piccoli del massimo campionato nazionale costano quanto il cartellino di un trentatreenne, seppur il più forte del mondo.

È una mera comparazione, ma fa ben capire quali siano gli orientamenti di spesa delle squadre, salvo poi ritrovarci con una Nazionale senza campioni, perché nessun team punta a inserire i ragazzi nella prima squadra e farli giocare titolari, salvo rare eccezioni.
Che magari Ronaldo faccia venire voglia ai club di far crescere in casa campioni nostrani, non potendo spendere quelle cifre!

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0