Crescono i corsi universitari in inglese

Crescono i corsi universitari in inglese

Aumenta il numero di corsi universitari in inglese presenti negli atenei italiani. La media adesso è intorno all’uno ogni dieci. Inglese accademico,

Agli italiani non piace laurearsi
Dietrofront di ANVUR sulle pubblicazioni accademiche: riaperti i termini
Dipartimenti di qualità, Benvenuti al nord…

Aumenta il numero di corsi universitari in inglese presenti negli atenei italiani. La media adesso è intorno all’uno ogni dieci.

Inglese accademico, certezza lavorativa. Studiare l’università in lingua straniera è ormai un beneficio consolidato per gli sbocchi lavorativi successivi.
Il rapporto Anvur poi è eloquente per capire quanto sia in crescita l’offerta universitaria di corsi in lingue inglese.

Ad oggi, nonostante le sentenze di Corte costituzionale e Consiglio di Stato che li hanno limitati, sono arrivati a 502 i corsi in lingua inglese.
Rispetto al 2016 l’aumento è stato addirittura del 60%!
Sempre l’Agenzia di valutazione universitaria frena su un aspetto: “il grado di internazionalizzazione dei nostri atenei è ancora limitato”. Quindi strada da percorrere ancora lunga, ma che senza dubbio vede per l’anno accademico 2017-2018 ben l’11% di corsi di studio tenuto in inglese. In pratica su 4.644 totali, 502 non in italiano.

Il paradosso sta nella parziale diminuzione dei corsi in italiano, con il parallelo aumento degli altri.
Altro dato positivo è che la metà di tali insegnamenti sono presenti in dipartimenti scientifici, il 38% in quelli economico-giuridici e il 5% in ambito umanistico.

Nonostante tali numeri positivi, l’Anvur definisce il grado di internazionalizzazione degli atenei nazionali ancora limitato, certo non al passo con i principali paesi europei.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0