NFL, le cheerleaders si mettono i pantaloni, team aperti anche agli uomini

NFL, le cheerleaders si mettono i pantaloni, team aperti anche agli uomini

La National Football Association ha preso una decisione storica: quella di permettere anche ai ragazzi di fare i cheerleaders. Avete presente quei ti

L’appello delle università di Milano: “Più soldi per il diritto allo studio”
Figli e genitori, quando il ringraziamento fa il giro del mondo
Terrore in Florida: altra sparatoria

La National Football Association ha preso una decisione storica: quella di permettere anche ai ragazzi di fare i cheerleaders.

Avete presente quei tipici teen drama ambientati nei classici licei statunitensi, nei quali il ragazzo più popolare è il capitano della squadra di basket o di football americano della scuola e la ragazza più carina è a capo del team delle cheerleaders?

Si tratta di uno stereotipo talmente diffuso che non può non avere una base di verità. E la base di verità in effetti c’è e risiede nel fatto che finora oltreoceano la parola cheerleader è stata sempre associata esclusivamente al genere femminile. Presto, però, potrebbe non essere più così.

La National Football League (meglio conosciuta come NFL), la lega professionistica statunitense di football americano, ha infatti deciso di rompere questo tabù, permettendo anche ai maschi di diventare dei “ragazzi pom pom”. Le prime due franchigie ad aprire le proprie squadre di cheerleading agli uomini saranno i Los Angeles Rams e i New Orleans Saints.

Soddisfatti, ovviamente, i primi cheerleaders di sesso maschile della storia: Quinton Peron, Napoleon Jinnies e Jesse Hernandez. I tre hanno manifestato attraverso i propri profili social tutto il loro entusiasmo per questa importantissima decisione.

Una decisione che segna di fatto una svolta epocale, un ulteriore passo avanti in quel progressivo abbattimento delle differenze di genere che la nostra società sta perseguendo da tempo. E il fatto che questo passo sia stato compiuto da un’organizzazione di fama mondiale come la NFL non può che farci ben sperare.

E così dopo le “vecchiette” che ogni tanto si vedono in NBA, ora toccherà agli uomini intrattenere gli spettatori statunitensi durante gli intervalli delle partite. Non temete però, perché insieme a loro ci saranno anche le ragazze; d’altronde squadra che vince non si cambia ma ogni tanto bisogna anche soddisfare l’occhio del pubblico femminile, dico bene?

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0