Tempo di lettura: 1 Minuti

Plutone non è blu, il gruppo di ragazzi “extraterrestri”

Ho intervistato questi giovani artisti, che mi hanno presentato il loro ultimo singolo e spiegato il loro "rapporto" con Plutone. Plutone non è blu è

Walà: il nuovo delivery di quartiere
Pantaloni, connessioni e cannabis, notizie scoppiettanti al TG USA
Pillole dai social

Ho intervistato questi giovani artisti, che mi hanno presentato il loro ultimo singolo e spiegato il loro “rapporto” con Plutone.

Plutone non è blu è il nome di questo gruppo di giovanissimi musicisti con cui ho avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere, anche se solo (per ora) in via puramente digitale. Mi ha particolarmente colpito il modo in cui si sono conosciuti…

Eccoli, ve li presento!

1- Vi siete conosciuti in Erasmus! Una bellissima storia che, forse, mette ancor più in risalto questa opportunità per gli studenti. Mi raccontate la vostra storia, anche dal punto di vista universitario?

Il progetto è nato in erasmus grazie all’incontro che uno di noi ha avuto con quello che è diventato il nostro general manager. Ognuno di noi studia una cosa diversa: uno Relazioni Internazionali a Bologna, uno DAMS a Torino e un altro Scienze Biologiche a Lecce.

2- Vi chiamate “Plutone non è blu”: Come mai questo richiamo ad un pianeta così poco… mainstream?

La verità è che è nato tutto per caso, con una semplice domanda che uno di noi ha posto agli altri: di che colore è secondo voi Plutone? Tutti noi eravamo convinti che fosse blu, e invece… Poi abbiamo passato le successive due settimane a fare la stessa domanda a chiunque incontrassimo. Moltissimi, come noi, hanno risposto blu, altri invece hanno studiato e sapevano il vero colore.

3- Passiamo alla musica: è uscito il vostro ultimo singolo, “Ombre”, me lo raccontate?

Ombre è basato sulla consapevolezza della fine di un amore ormai finito ma fortemente vivo nei ricordi, che siano felici o tristi.

3- Mi voglio soffermare sul video, perché penso che trasmetta a pieno il mood del pezzo: siete d’accordo?

Sì, il video è diviso tra presente e passato. Un passato fatto di ricordi ed un presente malinconico. Riguardo le riprese ci siamo anche divertiti nel realizzare qualcosa di molto semplice e spontaneo, il video è del tutto autoprodotto e girato da noi.

4- La vostra carriera è appena iniziata. Fatemi capire dove volete arrivare…

Dove arriveremo lo decideranno i nostri elettori, VOTATECI! No, a parte gli scherzi, e per adesso c’è fame di live e passione, il futuro è un’ipotesi.

5- Chiuderei con una chicca: regalatemi uno spoiler!

Di solito gli spoiler fanno un po’ incazzare, possiamo solo dirvi che abbiamo pronto nuovo materiale per questo inverno.

6- Grazie per la chiacchierata ragazzi! Lascereste un saluto ai lettori di FacceCaso?

Grazie a voi per l’intervista! Un saluto a tutti i FacceCasini che stanno leggendo, noi Plutone non è blu vi amiamo anche se ancora non vi conosciamo. Venite ai nostri live e saremo tutti un po’ più amici.

#FacceCaso

Di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0