Tempo di lettura: 3 Minuti

Bending Spoons: italiana tra le prime 10 al mondo nel creare app

Bending Spoons: italiana tra le prime 10 al mondo nel creare app

Ma come si arriva al successo? Grazie a tecnologia, i dati e la previsione del comportamento degli utenti. #FacceCaso. Bending Spoons , con sede a Mi

Pubblicazioni: Bocconi prima università d’Europa
Matematica e cultura: diverse ma non troppo
Norcia: tutto pronto per il ritorno in aula nella nuova scuola

Ma come si arriva al successo? Grazie a tecnologia, i dati e la previsione del comportamento degli utenti. #FacceCaso.

Bending Spoons , con sede a Milano, è tra le prime dieci aziende al mondo per download di app (per darti un’idea si trova davanti a Netflix o Spotify). 

Fondata da 4 ragazzi italiani e un polacco nel 2013, la startup conta la bellezza di 120 milioni di download. Bending Spoons è nata a Copenhagen e subito dopo ha messo radici in Italia.

Askannews ha avuto il piacere di intervistare Matteo Danieli, co fondatore e responsabile del prodotto.

“Noi pensavamo di avere la possibilità di offrire un lavoro molto interessante in un ambito molto innovativo con possibilità di crescita enormi e volevamo mettere questa possibilità al servizio di tanti ragazzi che in caso contrario sarebbero andati all’estero”.

Bending Spoons vanta un organico di 70 persone di 9 nazionalità, (tra cui il 10% di stranieri e il 30% di donne). L’azienda è alla continua ricerca di ingegneri del software, profilo difficile da trovare.

“Per noi è molto difficile trovare ragazze soprattutto in quell’ambito, penso sia un problema legato ad una questione culturale e sociale per cui le ragazze per qualche motivo vengono indirizzati verso tipi diversi di carriera. Noi saremmo molto contenti di accoglierne tante”.

Ma come si arriva al successo? Grazie a tecnologia, i dati e la previsione del comportamento degli utenti.

“Investiamo molte più risorse nel selezionare prima e poi e nel cercare di sviluppare e rendere felici le persone che lavorano per noi, ed è l’asset più importante che abbiamo”.

“Quello che ci ha permesso di avere successo in un mercato estremamente competivo e concorrenziale è aver professionalizzato il settore: la strategia che adottiamo è di non focalizzarci su una categoria ma sviluppare applicazioni in categorie molto diverse”.

Insomma, una bomba.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0