Tempo di lettura: 2 Minuti

Facebook ha nuovi problemi con la privacy: a rischio 50 milioni di utenti

Facebook ha nuovi problemi con la privacy: a rischio 50 milioni di utenti

È passato pochissimo tempo da quando Facebook è finito nella bufera a causa dello scandalo Cambridge Analytica, con oltre 87 milioni di account in tut

Il Liceo Mazzini trasforma l’ intervallo in uno show
Sistema Moda Micol Fontana : a Roma si studia la passerella

Scuola di pomeriggio: gli studenti toscani partono da settembre

È passato pochissimo tempo da quando Facebook è finito nella bufera a causa dello scandalo Cambridge Analytica, con oltre 87 milioni di account in tutto il mondo a rischio privacy. Che fine farà il social di questo passo? #FacceCaso.

Facebook continua a dare problemi di privacy. Nell’ultima settimana a seguito di un attacco sono stati messi a repentaglio i dati di oltre 50 milioni di account. Guai i vista per circa 90 milioni di utenti Facebook. Se ti è capitato di dover fare log out e a rientrare nel sistema (come la sottoscritta) non ti preoccupare, è solo una delle misure di sicurezza che sono state adottate per evitare la compromissione degli account.

La società ha reso immediatamente nota la falla di sicurezza e Mark Zuckerberg ha scritto un post al riguardo su Facebook. Il ‘log out’ è una normale procedura che si adotta quando un profilo è stato compromesso.

“Abbiamo risolto la vulnerabilità e le forze dell’ordine sono state informate”. Spiega nel post ufficiale Guy Rosen, VP of Product Management.

Il problema è stato scoperto nel pomeriggio del 25 settembre ed è immediatamente stato preso sul serio.

Facebook avrebbe “reimpostato i token di accesso dei quasi 50 milioni di account interessati. Circa 90 milioni di persone nell’accedere a Facebook riceveranno una notifica che spiega cosa è successo”. Il social ha inoltre fatto sapere che “le indagini sono appena iniziate”. Purtroppo ancora non si sa “se questi account sono stati utilizzati in modo improprio o se sono state carpite informazioni”. La piattaforma non ha la più pallida idea da dove provengano gli attacchi. 

“La privacy e la sicurezza delle persone sono incredibilmente importanti e ci dispiace per quello che è accaduto. Non è necessario che qualcuno cambi la propria password”. Sottolinea Guy Rosen.

È passato pochissimo tempo da quando Facebook è finito nella bufera a causa dello scandalo Cambridge Analytica, con oltre 87 milioni di account in tutto il mondo a rischio privacy. Che fine farà il social di questo passo?

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0