Tempo di lettura: 3 Minuti

Apple, Store e ecommerce, alcune novità da internet

Apple, Store e ecommerce, alcune novità da internet

Apple che acquista una startup musicale, la sfida tra App Store e Google Play, ma anche i fatturati italiani crescenti dell’ecommerce. Ecco il meglio

Pixel 2, la seconda generazione dello smartphone Google
Apple si prepara a far concorrenza a Netflix
iPod Shuffle e Nano: addio

Apple che acquista una startup musicale, la sfida tra App Store e Google Play, ma anche i fatturati italiani crescenti dell’ecommerce. Ecco il meglio di internet.

Internet sempre più galassia su cui circolano le attività di ogni genere, forma e società. Anche questa settimana abbiamo scoperto quelle novità più curiose, che riguardano giganti di vari settori come Apple, Google, Amazon e altri.
Partiamo da Apple, che cercando di essere sempre più competitiva nel settore musicale, ha acquistato Asaii, un’app/startup che si occupa di scovare giovani talenti artistici.

In pratica raccoglie informazioni su artisti, servizi musicali, corrispondenze dei dati social e permette di delineare strategie di marketing per questo settore.
Proprio la funzione di raccoglimento informazioni interessa Cupertino, perché questa va a scoprire il mercato dei più giovani talenti, come una sorta di talent scout fondato sugli algoritmi.
Asaii proprio questo afferma, di trovare artisti emergenti da breve o lungo periodo prima di chiunque altro, un next Justin Bieber in pratica.

Rimanendo in ambito Apple, si riaccende la sfida tra la Mela morsicata e Google. Questi due giganti si contendono il mercato delle app. mentre l’App Store trionfa per fatturato generato (12 miliardi di dollari contro 6,2 di Google), la big G ha dalla sua un numero molto maggior di downoald, seppur maggiormente gratuiti.

Infine, l’altro settore di internet enormemente sotto la lente di ingrandimento, è quello dell’ecommerce. I numeri del mercato italiano toccano livelli mai visti, con un giro d’affari complessivo di ben 27,4 miliardi, e un tasso di penetrazione nel 2018 maggiore del 6,5%.
Gli acquisti principali riguardato i settori di informatica e tecnologia, mentre per i servizi a far da padrone è inevitabilmente il turismo.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0