Tempo di lettura: 3 Minuti

A Catania studenti e studentesse viaggiano gratis sui mezzi di trasporto!

A Catania studenti e studentesse viaggiano gratis sui mezzi di trasporto!

Sembra impossibile, ma finalmente anche in un comune Italiano studenti e studentesse iscritti all'Università potranno usufruire dei mezzi di trasporto

Arriva l’ora di arabo a scuola: una bella storia finita in polemica
Disintossicarsi dai social: il “Montain Social Media Dexot ” project
Festival in Sardegna per giovani filmmaker

Sembra impossibile, ma finalmente anche in un comune Italiano studenti e studentesse iscritti all’Università potranno usufruire dei mezzi di trasporto pubblici gratuitamente!

Che bella notizia! Quella messa in atto dall’Università di Catania è una vera e propria svolta. Dovrebbe costituire un esempio per tutte le Università italiane. Anche i mezzi di trasporto costituiscono una grossa spesa per studenti e studentesse, soprattutto quando si tratta di fuori sede!

Come funziona l’iniziativa?

L’iniziativa nasce da una collaborazione tra l’Ateneo di Catania e l’Azienda metropolitana dei trasporti di Catania. In pratica i mezzi di trasporto pubblici saranno gratuiti per tutti gli studenti e le studentesse iscritti all’Ateneo, ma il costo degli abbonamenti è a carico dell’Università stessa.

Ma questo non è tutto, perché gli abbonamenti ai mezzi che saranno erogati direttamente attraverso un tesserino elettronico non sono il solo vantaggio offerto. Sempre con lo stesso tesserino gli alunni hanno accesso a una serie di vantaggi e sconti su su numerosi servizi e attività culturali.

Le motivazioni

Il Rettore dell’Università, Francesco Basile, durante la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa ha sottolineato come oltre al miglioramento dell’offerta didattica, l’obiettivo sia quello del benessere degli studenti. Inoltre attraverso questo progetto ne risentirà positivamente il traffico urbano e il tutto è finalizzato all’obiettivo della mobilità sostenibile.

Tra le altre novità messe in atto dall’Ateneo siciliano c’è anche l’installazione di 60 fontanelle di acqua microfiltrata e l’investimento di 13 milioni di euro volto all’ammodernamento di 400 aule universitarie di tutti i dipartimenti della facoltà.

L’iniziativa è iniziata ufficialmente lunedì 15 ottobre 2018, e dovrebbe costituire un esempio nazionale. Speriamo che altre università decidano di seguire questo modello avvicinandosi sempre di più alle vere necessità degli studenti, cui purtroppo moltissimi “grandi” non hanno davvero fatto caso…
Comunque, è proprio il caso di dirlo: Che bella storia!

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0