Tempo di lettura: 3 Minuti

Sempre più vicini al sistema scolastico unico europeo!

Sempre più vicini al sistema scolastico unico europeo!

Finalmente i diplomi scolastici saranno riconosciuti in tutta Europa grazie al sistema scolastico unico europeo. Un'Europa senza frontiere: è quella c

EU Challenge a Bruxelles: la conclusione di un progetto di giovani per i giovani!
Elezioni Europee: chi votare?
EU Challenge: l’unica simulazione in Italia dei lavori del Parlamento europeo!

Finalmente i diplomi scolastici saranno riconosciuti in tutta Europa grazie al sistema scolastico unico europeo. Un’Europa senza frontiere: è quella che piace a noi giovani.

Troppo spesso non ci si rende bene conto di cosa significhi Unione europea per noi giovani, si spende troppo tempo a sottolinearne le debolezze e troppo poco a pensare ai vantaggi che ci dà. Un sistema scolastico unico europeo è ancora un sogno, ma il pieno riconoscimento dei diplomi in tutti gli Stati europei sta per diventare realtà!

Lo sapete che non troppi anni fa i titoli universitari ottenuti in un Paese europeo non venivano riconosciuti negli altri? Cioè se io mi laureavo in Italia e poi volevo praticare il mio lavoro in un Paese diverso dovevo riprendermi la laurea in quel Paese. Per noi oggi è impensabile una cosa del genere, ma per questo dobbiamo ringraziare l’Unione europea.

Nella direzione del sistema scolastico unico europeo. Partiamo dal riconoscimento dei diplomi

Al Parlamento europeo di Strasburgo, a larga maggioranza, è stata approvata una risoluzione per noi giovani importantissima. La risoluzione prevede il riconoscimento in ogni paese membro dell’Unione europea dei diplomi di istruzione secondaria.

Certo, fin ora per il riconoscimento dei diplomi tra stati membri era già possibile. Ma non era di certo cosa facile. Molto stava alla discrezione dei singoli Stati, e comunque non era una procedura dal risultato scontato. Invece a partire dal 2021 non importerà più dove avrete frequentato la scuola secondaria superiore, l’unica cosa che importerà è essere europei! Che meraviglia.

Tra i vantaggi da subito più evidenti di questa novità al primo posto senza dubbio c’è il tema della mobilità! Come ha sottolineato l’eurodeputata italiana che si è occupata di questa proposta, Silvia Costa, si tratta di una “vera rivoluzione”.

Come funzionerà il tutto?

Semplicemente dal 2021 il diploma che i giovani otterranno alla fine del percorso scolastico sarà un “diploma europeo”, in più studenti e studentesse saranno in possesso di una carta che costituirà una sorta di passe-partout, che darà accesso anche a tante agevolazioni in tutta Europa. Questo significa che ognuno sarà libero di trasferirsi in un altro Paese europeo in qualsiasi momento del proprio percorso scolastico senza alcun tipo di problema burocratico.

Ma attenzione, la decisione non è ancora definitiva, dopo l’approvazione in sede del Parlamento europeo, ora la discussione passa al Consiglio UE!

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0