Tempo di lettura: 3 Minuti

EU Challenge a Bruxelles: la conclusione di un progetto di giovani per i giovani!

EU Challenge a Bruxelles: la conclusione di un progetto di giovani per i giovani!

Avvicinare i giovani all'Unione europea, questo è stato lo scopo della fase finale del progetto EU Challenge a Bruxelles. Qualche mese fa vi avevo gi

EU Challenge: l’unica simulazione in Italia dei lavori del Parlamento europeo!
Sempre più vicini al sistema scolastico unico europeo!
Elezioni Europee: chi votare?

Avvicinare i giovani all’Unione europea, questo è stato lo scopo della fase finale del progetto EU Challenge a Bruxelles.

Qualche mese fa vi avevo già raccontato di questo ambizioso progetto, che nasce dentro la LUISS ma non dalla LUISS, da ASP: l’Associazione degli studenti di scienze politiche di cui io ho l’onore di essere la Presidente. EU Challenge a Bruxelles è l’ultima fase di un progetto unico nel suo genere e interamente realizzato da studentesse e studenti.

EU Challenge

Come vi avevo raccontato qui, EU Challenge è il primo progetto a livello universitario che consente ai giovani di fare una simulazione dei lavori parlamentari del Parlamento europeo. Il tutto nasce dal direttivo di ASP, e dalla buona volontà dei ragazzi e delle ragazze che per un anno hanno dedicato il loro tempo alla realizzazione di quello che in principio sembrava solo un sogno. Il progetto ha ricevuto anche l’Alto Patrocinio del Parlamento europeo.

EU Challenge a Bruxelles

Per i vincitori della simulazione è stato previsto un viaggio nella Capitale europea: Bruxelles. Insieme ai vincitori siamo partiti, solo dopo qualche peripezia (incendio all’aeroporto di Ciampino), il 19 febbraio. In sole due notti e due giorni a Bruxelles il gruppo ha visitato tutte le più importati istituzioni, ma anche altro!

La prima Istituzione che abbiamo visitato a Bruxelles è stato il Comitato delle Regioni. Un’Istituzione molto importante per l’Unione europea che però nei libri si studia poco e in generale è veramente poco conosciuta.

Il secondo appuntamento è stato al Consiglio europeo, anche qui abbiamo avuto modo di conoscere l’edificio dall’interno che ci ha lasciati letteralmente senza fiato!

Infine, per coronare al meglio la prima giornata di visite, ci siamo spostati al Parlamento europeo. Qui dopo una breve spiegazione davvero esauriente abbiamo visitato la plenaria.

Subito dopo, sempre all’interno del Parlamento europeo abbiamo avuto l’onore di essere ricevuti dall’Onorevole Brando Benifei: l’eurodeputato più giovane del gruppo dei Socialisti e Democratici.

Il secondo giorno è stato dedicato alla visita delle rappresentanze regionali italiane. Il primo appuntamento presso la Regione Veneto a Bruxelles e il secondo presso la Regione Toscana a Bruxelles. Siamo stati accolti con molto entusiasmo e disponibilità.

Infine, siamo riusciti a visitare anche la sede del PPE (Group of the European People’s Party) l’attuale gruppo parlamentare di maggioranza presso il Parlamento europeo.

Conclusione

Eu Challenge è stata una grande soddisfazione oltre che una grandiosa opportunità per tanti studenti e studentesse. É fondamentale che oggi i giovani abbiano più consapevolezza e una più approfondita conoscenza delle istituzioni europee. E soprattutto è fondamentale che tutti i giovani vadano a votare alle elezioni europee del prossimo maggio 2019, con consapevolezza e impegno civico. Per noi organizzatori è stata un’emozione fortissima vedere la felicità e la riconoscenza di coloro che avuto modo di prenderne parte.

Tutti pronti per la seconda edizione?! 

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0