Tempo di lettura: 2 Minuti

EU Challenge: l’unica simulazione in Italia dei lavori del Parlamento europeo!

EU Challenge: l’unica simulazione in Italia dei lavori del Parlamento europeo!

EU Challenge è il nuovissimo progetto di ASP Roma Luiss, ed è l'unica iniziativa in Italia che a livello universitario che consente a studenti e stude

EU Challenge a Bruxelles: la conclusione di un progetto di giovani per i giovani!
Elezioni Europee: chi votare?
Sempre più vicini al sistema scolastico unico europeo!

EU Challenge è il nuovissimo progetto di ASP Roma Luiss, ed è l’unica iniziativa in Italia che a livello universitario che consente a studenti e studentesse di partecipare a una simulazione dell’Europarlamento.

EU Challenge è un’iniziativa degli studenti per gli studenti, l’unica simulazione in Italia dei lavori del Parlamento europeo, un progetto che ha ricevuto l’Alto patrocinio del Parlamento europeo. Un’opportunità incredibile per studenti e studentesse della Luiss Guido Carli.

Ecco in cosa consiste EU Challenge, come è nato e soprattutto come partecipare!

EU Challenge

Eu Challenge è un progetto nato dall’Associazione ASP Roma Luiss, l’Associazione di Scienze Politiche della Luiss Guido Carli, nata nel 1996. ASP ogni anno offre ai propri associati e associate innumerevoli opportunità nel mondo del lavoro, delle Organizzazioni internazionali ed europee, ma non solo. Il tutto è gestito e organizzato da studenti e studentesse che si impegnano con duro lavoro per offrire ai loro coetanei delle opportunità uniche.

Eu Challenge ha lo scopo di avvicinare studenti e studentesse alle istituzioni europee in un anno così importante come quello delle elezioni del Parlamento europeo che si terranno a maggio 2019: #Europee2019.

Il progetto si svolge attraverso tre fasi

  1. Fase di formazione
    Durante questa prima i ragazzi e le ragazze che saranno selezionati prenderanno parte a quattro seminari tematici. I primi due saranno incentrati sul funzionamento delle istituzioni europee e professori ed esperti forniranno ai partecipanti delle nozioni e competenze basilari di Diritto europeo e di stesura di un progetto di legge. Gli ultimi due seminari saranno incentrati sul tema scelto per il progetto, che quest’anno sarà Europa Creativa.
  2. Fase di simulazione
    Una giornata intera di simulazione divisa in due momenti. Durante la mattinata i nostri eurodeputati si divideranno in commissioni per elaborare delle proposte e stendere le proprie mozioni al progetto di legge. Nel pomeriggio, invece, si terrà la vera e propria simulazione di seduta Plenaria. Ragazzi e ragazze si caleranno nel ruolo di parlamentari e suddivisi in gruppi parlamentari si cimenteranno in una gara di oratoria davanti a una giuria composta da giornalisti, politici, eurodeputati e rappresentati delle lobby. Le modifiche al progetto di legge che saranno approvate durante la simulazione saranno davvero presentate agli eurodeputati.
  3. Il viaggio a Bruxelles
    La giuria presente durante la simulazione valuterà il lavoro e l’impegno dei singoli partecipanti. Sarà proprio la giuria a valutare i “parlamentari” che si saranno distinti per la loro partecipazione attiva durante discussione parlamentare. I 12  giovani “migliori”, i più convincenti, i più competenti saranno scelti per la partecipazione al viaggio conclusivo del Progetto.La destinazione è Bruxelles che, oltre a essere una bellissima capitale europea, è la capitale delle istituzioni europee. I giovani premiati prenderanno parte a questo viaggio i cui costi sono parzialmente finanziati dai fondi messi a disposizione dall’Università LUISS Guido Carli.
    Durante il viaggio, i partecipanti avranno l’opportunità di visitare il Parlamento europeo di Bruxelles, di conoscere parlamentari e lobbisti e di prendere parte ad una serie di attività organizzate appositamente per loro.

Sotto l’Alto Patrocinio del Parlamento europeo

Nella creazione del progetto un ruolo fondamentale è stato giocato dai funzionari e dalle funzionarie dell’Ufficio di Informazione del Parlamento europeo in Italia, che hanno accolto con molto entusiasmo la proposta di ASP e hanno contribuito alla creazione di EU Challenge. Successivamente, il progetto ha ricevuto l’Alto Patrocinio del Parlamento europeo, che sostiene l’iniziativa e la appoggia.

Come partecipare?

Arriviamo ora all’informazione più importante!
Tutti gli studenti e le studentesse della Luiss Guido Carli possono provare a partecipare al progetto. Saranno poi selezionati 100 studenti in base al merito. I criteri di selezione mettono al centro la media e i crediti acquisiti. Il bando è attualmente aperto e chiuderà ufficialmente il 10 ottobre 2018, clicca qui per raggiungere il sito.

Un progetto “piccolo” di età ma di grandissimo contenuto. I giovani sono fondamentali per l’Unione europea e devono essere i protagonisti della sua evoluzione. Quale miglior modo di mettere i giovani al centro se non attraverso un progetto che consenta loro di acquisire conoscenze e competenze?!

Per tutti gli aggiornamenti, le informazioni e le novità consiglio di seguire le pagine social di EU Challenge: Facebook e Instagram (@EUchallengeASP).

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0