Tempo di lettura: 3 Minuti

Apennines Discovery: l’app per scoprire i segreti del Centro Italia

Apennines Discovery: l’app per scoprire i segreti del Centro Italia

Apennines Discovery è un’app gratuita che è già disponibile in rete e ti offrirà l’opportunità di scoprire i luoghi nascosti di Marche, Umbria, Abruzz

Il ceto sociale non fa rendere meglio a scuola
Erasmus+: nuove mete oltre l’Europa
Lies, l’app per smascherare i falsi amici

Apennines Discovery è un’app gratuita che è già disponibile in rete e ti offrirà l’opportunità di scoprire i luoghi nascosti di Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio. #FacceCaso.

Apennines Discovery è una nuova app lanciata da Fondazione Aristide Merloni e Fondazione Vodafone Italia per promuovere il turismo religioso e l’economia delle zone appenniniche colpite dal terremoto nell’agosto del 2016.

Come si legge sul Corriere Della Sera: “Una vetrina digitale costituita da eremi, abbazie millenarie, sentieri, percorsi trekking e bike per accogliere pellegrini e moderni camminatori in una terra straordinaria per la storica presenza di San Francesco, San Benedetto e San Romualdo”. Ha spiegato Francesco Merloni, Presidente della Fondazione Aristide Merloni.

Una bella idea per far tornare allo splendore di un tempo un territorio che ha tanto da offrire. “Dopo quasi due anni dal sisma, permane una grande preoccupazione per il futuro dell’Appennino crediamo che questo progetto potrà portare, oltre a uno specifico rilancio del turismo religioso in un territorio fortemente danneggiato, anche un positivo effetto indotto a favore dei circuiti di micro-imprenditorialità legati a strutture ricettive ed attività agro-alimentari”. Ha commentato Merloni aggiungendo.

Apennines Discovery è un’app gratuita che è già disponibile in rete e ti offrirà l’opportunità di scoprire i luoghi nascosti di Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio.

Potrai scegliere tra 12 percorsi di trekking e 8 percorsi di bike a seconda della difficoltà, durata e lunghezza dell’itinerario. L’obiettivo per la fine dell’anno è quello di arrivare a 50 percorsi.

“Il progetto ribadisce l’importanza delle tecnologie digitali come strumento di rilancio dell’economia locale e risponde ad un bisogno più ampio che è quello di favorire la ricostruzione dei valori sia culturali che identitari di questo territorio. Un percorso di rinascita che si articola in diversi ambiti e che mira a sostenere le imprese e il lavoro come primo elemento della crescita di tutta la comunità garantendo l’attrattività del territorio per le future generazioni”. Ha detto il consigliere delegato Maria Cristina Ferradini.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0