Tempo di lettura: 1 Minuti

Carate Brianza, dove la birra va “Incontro” agli studenti

Carate Brianza, dove la birra va “Incontro” agli studenti

Un istituto alberghiero di Carate Brianza ha da poco lanciato “Incontro”, una birra artigianale interamente prodotta dagli studenti. A poco più di du

DNA invecchati e cani alticci, WTF al TG USA?
La Pasquetta del fuorisede: la bellezza del tornare a casa e stare con gli amici!
Alcosynth, bere senza postumi

Un istituto alberghiero di Carate Brianza ha da poco lanciato “Incontro”, una birra artigianale interamente prodotta dagli studenti.

A poco più di due settimane di distanza dall’annuncio della nascita della prima Università della Birra d’Italia, arriva un’altra bella notizia per i nostri giovani aspiranti birrai. Dopo aver conquistato la Bicocca, infatti, la birra è sbarcata anche a scuola con un progetto assai interessante.

Un progetto ideato e portato avanti da un istituto alberghiero lombardo, il Don Gnocchi di Carate Brianza. Qui gli studenti hanno avuto la possibilità di realizzare un prodotto storico: la prima birra artigianale italiana messa in commercio direttamente da una scuola (la seconda in Europa).

Per essere precisi si tratta di una blond ale (un particolare tipo di birra originario del Belgio) al pepe rosa e al bergamotto; si chiamerà “Incontro” perché di fatto è il frutto di un vero e proprio incontro di intenti con Birragaia, un birrificio locale con cui il Don Gnocchi condivide una delle sue cucine.

Possiamo quindi considerare l’iniziativa dell’istituto brianzolo un esempio riuscitissimo di didattica alternativa dal momento che la realizzazione della birra è stata preceduta da uno studio approfondito e interdisciplinare della bevanda.

Una bevanda che in Italia sta attualmente vivendo il suo momento migliore. E di questo periodo di grazia ne sta giovando maggiormente proprio la Lombardia. Qui, infatti, la birra locale genera attualmente un valore di oltre 2.000 milioni di euro (circa lo 0,62% del PIL regionale).

Una cifra alla quale da oggi in poi contribuiranno anche alcuni semplici studenti di un istituto alberghiero della provincia di Monza e Brianza. Presto la loro birra sfiderà sul mercato i colossi del settore; e poco ci importa se non la comprerà nessuno perché per noi (e sicuramente anche per loro) “Incontro” vale di più di qualche vendita.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0