Tempo di lettura: 2 Minuti

Santambrogio dice NO al blocco delle assunzioni

Santambrogio dice NO al blocco delle assunzioni

Santambrogio ha sottolineato quanto l’università faccia fatica a superare i tagli imposti dall’ex ministro Gelmini e dal governo Monti. #FacceCaso. N

Intervista a due studenti fuorisede che volevano votare alle Europee
I medici dicono no al numero chiuso di Medicina
Forlì: tirocini formativi alla web tv del campus

Santambrogio ha sottolineato quanto l’università faccia fatica a superare i tagli imposti dall’ex ministro Gelmini e dal governo Monti. #FacceCaso.

No al blocco delle assunzioni stabilito dal governo con la manovra finanziaria. Il messaggio lanciato dal professor Ambrogio Santambrogio, direttore del Dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Perugia a tutti gli altri candidati rettore è chiaro. 

Come si legge su Umbria 24. “Il governo nazional sta perpetrando una ulteriore e terribile beffa al mondo dell’università e della ricerca. Nelle scorse ore, infatti, è stato inserito nella manovra finanziaria il blocco delle assunzioni sino al 15 novembre del 2019. Lo ripeto, perché la cosa possa apparire in tutta la sua gravità: nel 2019 non sarà possibile fare assunzioni negli Atenei italiani”. 

Santambrogio ha sottolineato quanto l’università faccia fatica a superare i tagli imposti dall’ex ministro Gelmini e dal governo Monti. “Penalizzato più di ogni altro comparto dal protrarsi del blocco del turn-over e degli scatti stipendiali e, più in generale, dal taglio indiscriminato dei finanziamenti”.

Il professore ha espresso il suo punto di vista. “L’emendamento del governo si traduce non solo nel blocco delle progressioni in carriera, ma anche nell’impossibilità di stabilizzare, come previsto dalla stessa Gelmini, i ricercatori a tempo determinato (dunque precari) allo scadere del contratto. Questi ultimi, anziché ritrovarsi assunti come professori associati, si ritroveranno disoccupati. Per la nostra Regione, così come per tutto il mondo universitario, si tratta di una risorsa sulla quale si è molto investito e alla quale non si può in alcun modo rinunciare”.

È da questa esigenza che nasce l’appello a tutti i candidati rettore. “Personalmente, penso che non si possa tollerare che il mondo universitario venga ancora penalizzato. Vorrei perciò proporre che con tempestività tutto il nostro Ateneo, a partire dai candidati al ruolo di futuro rettore, si unisca al Magnifico Rettore per veicolare coralmente il dissenso a questo grave e insostenibile provvedimento”.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0