Tempo di lettura: 3 Minuti

La scelta del “post-maturità”: a Grosseto ti aiuta la scuola

La scelta del “post-maturità”: a Grosseto ti aiuta la scuola

Un liceo della provincia di Grosseto mette a disposizione dei suoi studenti una serie di corsi per la scelta della facoltà più giusta Ogni anno, migl

Protagonisti attoniti: ecco cosa ne pensano i giovany dello stop da Coronavirus
Italia ed Egitto insieme per una nuova collaborazione universitaria
Roma Tre: Lettere e Filosofia assediata da nomadi

Un liceo della provincia di Grosseto mette a disposizione dei suoi studenti una serie di corsi per la scelta della facoltà più giusta

Ogni anno, migliaia di studenti all’ultimo anno di liceo, si chiedono cosa sarà della loro vita l’anno successivo. Chi, beato lui, è già convinto di iscriversi ad una determinata facoltà ha vita facile, ma per ogni studente che ha le idee chiare, moltissimi sono ancora confusi. Vediamo come se la passano a Grosseto…

Già e difficile capire se iscriversi o meno all’università, ma centrare la facoltà giusta con destrezza è roba da pochi.

Ed allora, a volte, ci vengono incontro le istituzioni. A Grosseto, infatti, al liceo classico e scientifico Chelli, sono stati organizzati in queste settimane degli incontri che aspirano proprio ad aiutare i liceali nella scelta della facoltà più giusta per loro.

Il Progetto

Nome del progetto: “Pianeta Galileo”. “Questo ciclo di lezioni”, di cui la prima è stata tenuta in data 16 gennaio sotto il nome di “Materia, massa, vuoto e bosone di Higgs”, “è un’occasione che, grazie a Pianeta Galileo, anche in questo anno scolastico possiamo offrire ai ragazzi per approfondire quello che già studiano nelle materie curricolari e per fare esperienza del modo di lavorare utilizzato nell’ambito della ricerca universitaria” commenta la preside Paola Biondo.

Cosa ne pensa la preside

Crediamo infatti che un liceo, che voglia preparare davvero al “dopo maturità”, non debba limitare il proprio campo di lavoro allo studio delle materie curricolari ma debba allargare le attività da proporre ai suoi studenti ad ambiti ulteriori, per aiutare i ragazzi ad approfondire diversi metodi di indagine ed essere anche accompagnati nella fase dell’orientamento sui possibili percorsi universitari da intraprendere dopo il liceo”. L’ultimo corso in programma ci sarà martedì 5 febbraio e sarà a cura del professor Guglielmo Tino, ordinario di Fisica della materia presso l’Università di Firenze.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0