Tempo di lettura: 2 Minuti

Figurine e arte si mescolano negli “Artonauti”

Figurine e arte si mescolano negli “Artonauti”

Un nuovo progetto cerca di spodestare lo strapotere dei calciatori tra gli album di figurine. E di insegnare ai più piccolini la bellezza dell'arte.

Scuola: ad Avellino l’alternanza scuola-lavoro si paga
Odd pronto ad esporre ad OutsideGallery
Palermo: Capitale della Cultura italiana 2018

Un nuovo progetto cerca di spodestare lo strapotere dei calciatori tra gli album di figurine. E di insegnare ai più piccolini la bellezza dell’arte.

Pier Luigi Pizzaballa, professione calciatore, segni particolari: una delle figurine più introvabili di sempre. Generazioni e generazioni si sono letteralmente “scimunite” cercando nei pacchetti questo ragazzo, calciatore dell’Atalanta negli anni ’60.
Ora la storia potrebbe ripetersi. Ma con Raffaello, Leonardo o Michelangelo a contendersi la palma di figurina più cercata della storia.

No, non stiamo parlando di Tartarughe Ninja – ormai questi artisti, per “colpa” loro, non possono più essere accostati nella stessa frase – ma del nuovo album Artonauti”, il primo album di figurine dedicato alla storia dell’arte in Italia e, forse, al mondo.

Giorno dell’uscita: 15 marzo

L’idea su cui si fonda tutto è della WizartS.r.l.s., un’impresa fondata da Daniela Re, che nella vita fa l’insegnate, e da Marco Tatarella, editore di “22publishing”. L’album contiene 28 illustrazioni, 65 opere d’arte, 20 quiz e indovinelli e 2 pagine di giochi. Tutto questo, sommato, dà vita a ben 216 figurine.

L’idea è nata una sera a cena, parlavamo di come è importante avvicinare i bambini alla bellezza fin dalla più tenera età”, dicono i fondatori, “e così abbiamo pensato che sarebbe stato bello se ci fosse stato un album che, al posto dei calciatori, proponesse opere d’arte. Dipinti che si svelano completando l’album. Ci siamo guardati negli occhi e senza un attimo di esitazione abbiamo detto “facciamolo!” Era il 2015 e oggi Artonauti è diventato realtà”.

Il progetto, davvero innovativo e particolare, punta, ovviamente, alla promozione della cultura tra i ragazzi. Ma da parte nostra siamo sicuri che più di qualche “ragazzo di ieri” sarà tentato dall’idea di comprare almeno un pacchetto.

Dopotutto, l’ansia da Pizzaballa avrà pur lasciato qualche strascico e a voler riprovare quelle antiche emozioni potrebbero essere davvero in molti.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

 

COMMENTS

WORDPRESS: 1
  • comment-avatar
    Natascia Laurenza 2 anni

    Peccato che gli album sono INTROVABILI!!!!

  • DISQUS: 0