Tempo di lettura: 1 Minuti

Magritte a Milano, parliamo della Mostra

Magritte a Milano, parliamo della Mostra

Una mostra multimediale, che durerà fino a febbraio, apre le porte di Milano alle opere di Magritte. Scopriamo maggiori dettagli su un’esposizione fuo

Estate Ragazzi di Certaldo: la linea sottile tra arte e atto vandalico
Toulouse – Lautrec, una mostra bohème all’Ara Pacis
L’Università di Torino ha ideato l’incubatore per svecchiare l’insegnamento dei prof

Una mostra multimediale, che durerà fino a febbraio, apre le porte di Milano alle opere di Magritte. Scopriamo maggiori dettagli su un’esposizione fuori gli schemi.

A Milano è arrivato Magritte. Fino al 10 febbraio 2019 alla Fabbrica del Vapore del capoluogo lombardo si potrà visitare la mostra “Inside Magritte: emotion exhibition”.
Si tratta di un’esposizione diversa dal solito, una particolarità per uno degli esponenti del surrealismo, e in generale uno dei pittori, più importanti del Novecento.

Un percorso di 50 minuti complessivo di proiezione, tra pavimenti e pareti, di alcune delle opere più famose dell’artista: le bombette, gli uccelli, le nuvole, le pipe, gli alberi, che prenderanno “vita” con suoni e musiche impostate per ricostruire la carriera artistica dello stesso.

L’arte sta cominciando sempre più a diventare esibizione multidimensionale, e non è un caso che negli ultimi anni, tra le mostre più popolari in circolazione, ci siano proprio questi fenomeni di organizzazioni miste, con proiezioni, giochi di luce e di suoni.
Altro elemento interessante di tale tipologia, è che il contesto è molto virale e condivisibile sui social, in particolare per selfie e stories su Instagram.

L’autore, nato in una piccola cittadina in Belgio nel 1898, ha avuto da sempre una popolarità trasversale, che ha toccato sia gli appassionati d’arte che i semplici curiosi. Con i suoi dipinti surrealisti e i suoi temi, ha saputo dare un tratto caratteristico all’arte contemporanea.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0