Tempo di lettura: 3 Minuti

Nuovo viaggio nuova avventura: ti porto in Kenya con me in un viaggio alternativo! Pt.1

Nuovo viaggio nuova avventura: ti porto in Kenya con me in un viaggio alternativo! Pt.1

Un nuovo viaggio da raccontare, una nuova esperienza in un nuovo continente. Questa volta andiamo in Kenya, ma non aspettatevi il "classico" viaggio i

Netflix vola sugli aerei
Roma San Francisco, il volo low cost della Norwegian Air
Educazione sessuale a scuola: lo dice anche il Papa…

Un nuovo viaggio da raccontare, una nuova esperienza in un nuovo continente. Questa volta andiamo in Kenya, ma non aspettatevi il “classico” viaggio in Africa a vedere i leoni (certo, anche quelli eh)… Vi racconterò di un viaggio SOSTENIBILE!

Quando uno dice “Kenya” generalmente si pensa agli incredibili safari e alle belle spiagge dove i VIPs italiani si sono comprati case stratosferiche. Bene, dimenticatevi quel tipo di viaggio in Kenya, e preparatevi a seguirmi in un’avventura alla scoperta del VERO Kenya. Quello delle piccole realtà locali che lavorano sodo ogni giorno per portare a casa da mangiare e per emanciparsi.

Premessa

Solitamente quando con la mia famiglia organizziamo viaggi così particolari ci piace affidarci a realtà locali che possano aiutarci nell’organizzazione. Questa volta ci siamo affidati aTerra Madre Tours & Travel, un tour operator gestito da Jane, una ragazza kenyota che parla bene l’italiano, il lavoro di Terra Madre si caratterizza per la sua attenzione particolare alla sostenibilità. In questo modo il nostro viaggio in Kenya è stato un viaggio particolare a stretto contatto con le comunità locali. Decisamente non una “cosa da turisti”: ho conosciuto e parlato con donne e uomini del luogo, ascoltato le loro storie e mangiato nelle loro case. Ho visto con i miei occhi il risultato del lavoro e dell’impegno di ONG internazionali e i risultati ve li racconterò!

N.B: in questo viaggio sono in compagnia oltre che della mia famiglia, anche della mia migliore amica! Il che rende il tutto moolto più emozionante.

Io e la mia BFF

Pronti? Partenza… Via!

Atterriamo all’aeroporto di Nairobi dopo molte ore di viaggio. Ma non c’è tempo per riposarci, il nostro viaggio in Kenya inizia subito e noi non vediamo l’ora! É mattina presto e poco dopo essere saliti nella nostra jeep ecco davanti a noi l’alba… fermiamo la macchina: primo scatto del viaggio, noi siamo già senza parole.

Giorno 1: un progetto per l’empowerment femminile

Proseguiamo il nostro viaggio in macchina fino ad arrivare nella contea di Nakuru e dopo aver posato le nostre cose in hotel abbiamo la nostra prima visita. Sono particolarmente emozionata, perché come chi di solito mi legge saprà, sono molto sensibile ai temi dell’emancipazione femminile, diritti delle donne ecc. Ci rechiamo presso il Karirikania family garden and women empowerment projects”.

Si tratta di un bellissimo progetto che punta all “empowerment” femminile attraverso l’insegnamento alle donne locali di tecniche per coltivare la loro terra e in questo modo raggiungere importanti obiettivi: fornire alle donne un modo per emanciparsi dagli uomini attraverso il lavoro; insegnare alle comunità locali a sfruttare le risorse naturali del proprio territorio; produrre prodotti di qualità promuovendo la lotta alla malnutrizione

Come potete ammirare queste bellissime donne producono, oltre alle altre cose, grandissime quantità di patate che hanno ottenuto il “presidio Slow Food”. Un’emozione grandissima! Dopo aver visitato l’orto e la produzione delle patate siamo anche invitati a pranzo: tutto cucinato dalle signore con prodotti coltivati da loro, una delizia!

Andiamo a scuola per conoscere un altro progetto!

Dopo l’ottimo pranzo ci spostiamo a visitare un altro bellissimo progetto. Questa volta i protagonisti sono dei giovani: il progetto che visitiamo è dentro una scuola! Anche qui parliamo di orti, infatti il Michinda School garden Project” consiste nell’insegnare ai giovani alunni della scuola a coltivare la terra con diverse tecniche sostenibili.

Con i giovani alunni della Michinda School

“Garden Project”

In questo modo, una volta finita la scuola, i ragazzi saranno in grado di creare e mantenere un orto! Si tratta di fornire ai giovani delle conoscenze pratiche per essere pronti ad affrontare il mondo fuori dalla scuola. Ma non in un modo qualsiasi: in modo sostenibile! 

Se siete interessati a conoscere gli altri progetti che ho visitato in Kenya e a seguire il mio viaggio vi do appuntamento alla prossima settimana con la seconda puntata!

P.S: Per scoprire altri strani luoghi del mondo con me, vi invito a leggere degli altri miei viaggi, c’è solo l’imbarazzo della scelta: Albania, GreciaMacedoniaCroaziaRomania, UngheriaMoldaviaTransnistriaSerbia, un piccolo focus su Lisbonae un reportage sul mio viaggio in Ladakh, la regione dell’India che si trova sulle montagne dell’Himalaya e del Karakorum (parte 1, parte 2, parte 3, e parte 4).

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0