Tempo di lettura: 1 Minuti

Bremerstraße 23: cronache di un Erasmus a Kiel – la cultura

Bremerstraße 23: cronache di un Erasmus a Kiel – la cultura

La parte più bella e allo stesso tempo più brutta dell'Erasmus è la cultura. E come ci si adatta? Hai presente tutti quei pregiudizi sui tedeschi, ti

Vi presento Robert Ligtvoet: il prof giramondo
Conclusa l’inchiesta Magistri : scandalo all’Università degli Studi di Brescia
Pistoia: dove i sogni diventano realtà

La parte più bella e allo stesso tempo più brutta dell’Erasmus è la cultura. E come ci si adatta?

Hai presente tutti quei pregiudizi sui tedeschi, tipo che sono puntuali, che pensano solo al lavoro e che non sanno bene come divertirsi? In parte sono veri, ma è anche la loro cultura. Quindi questo capitolo sulla mia avventura in Erasmus (per le altre, guarda qui) sarà una mini-guida su come affrontarli e su come evitare figuracce.

La puntualità:

Non arrivare tardi a lezione. Dico davvero. Ti risparmierai sguardi di disprezzo dai tuoi compagni, che probabilmente sono arrivati almeno mezz’ora prima e hanno già preso i posti migliori. Il professore potrebbe non farci caso, ma non te lo garantisco. Potrebbe scapparci una battutina sarcastica. Anche agli appuntamenti, puntualità vuol dire serietà. Non dimenticarlo.

Il lavoro:

È forse la parte più importante della vita in Germania. Le amicizie difficilmente nascono sul posto di lavoro e loro tengono tantissimo alla separazione tra vita lavorativa e vita privata. Fanno poche pause e corrono sempre. Praticamente non sanno che un caffè può essere preso anche con calma al bancone. Non sanno nemmeno cosa sia il caffè a dire il vero.

Cibo:

Sai quando dicono che si mangiano solo patate, cipolle e Wurstel? Beh, aggiungici i crauti e avrai la dieta tedesca. Il cibo buono e non eccessivamente trattato è difficile da trovare. Fare la spesa è un’arte che dovrai affinare, molto bene. Il caffè, come ti ho detto prima, fattelo inviare in un pacco, che è meglio.

Vestiti:

Vedrai ragazze perfettamente vestite e altre con le scarpe da trekking e il giubbino da neve. Tutti sono molto informali, anche (e soprattutto) i professori a lezione. L’abbinamento dei colori non è proprio il loro forte, però andare a prendere il latte sotto casa, in pigiama, senza che nessuno ti guardi male è la cosa più bella del mondo.

Ovviamente questi sono stereotipi. Ma in alcuni casi sono veri. In Germania si vive molto tranquillamente se si seguono le loro piccole regole. Ricordati, però, di attraversare la strada sempre con il verde, perchè se no ti investono.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0