Tempo di lettura: 2 Minuti

Bremerstraße 23: cronache di un Erasmus a Kiel – Klausuren

Bremerstraße 23: cronache di un Erasmus a Kiel – Klausuren

Come funzionano i Klausuren (per gli amici "esami") in Germania? Continua la guida semi-seria da Kiel. Siamo arrivati alla parte più difficile e dura

Ritorno a scuola: le migliori app che aiutano lo studente
Al via FameLab, il talent degli scienziati
devAcademy: creare un’app non è mai stato così facile

Come funzionano i Klausuren (per gli amici “esami”) in Germania? Continua la guida semi-seria da Kiel.

Siamo arrivati alla parte più difficile e dura di tutto l’Erasmus. Gli esami. O come si chiamano qui, i Klausuren. Eh sì, perchè dopo cinque mesi di baldoria e di cerchi alla testa bisognerà anche sedersi e produrre qualcosa. (Se ti sei perso le puntate precedenti guarda qui).

Gli esami all’estero non sono come in Italia. Partiamo dal fatto che non si hanno due o tre mesi di sessione, al massimo si hanno due o tre settimane. I voti non si possono rifiutare e di solito i tentativi disponibili sono due, uno subito dopo la fine delle lezioni e l’altro appena prima del nuovo semestre. Almeno in Germania.

Altro piccolo particolare, prendere il massimo (che qui è 1.0, e no, non ti sto prendendo in giro) è quasi impossibile. Pensate che qui, per gli esami di giurisprudenza è possibile prendere voti dallo 0 al 18 e circa il 90% degli studenti riesce a prendere “solo” da 0 a 9, il restante 10% da 10 a 18. Non dico che noi siamo abituati a prendere 30, ma se un esame è fatto come si deve non è un voto impossibile da prendere.

Ma non vi preoccupate. In Italia siamo abituati ad avere libri su libri e professori che molto spesso vogliono solo metterti in difficoltà. All’estero troverete un’aria molto diversa. I professori sono disponibili a mille colloqui e se giochi la carta dello studente Erasmus ancora meglio. I libri sono quasi inesistenti e il materiale si riduce alle slides, di cui non vi garantisco la qualità, e al massimo qualche paper da leggere.

Quello che non siamo abituati a fare è scrivere. Nella maggior parte dei casi, infatti, vi potrebbe essere chiesto di scrivere un paper accademico o un Take-Home Exam. Vi consiglio di farvi aiutare da qualcuno o di leggere bene (e imparare come si fa) così da non ritrovarsi a prendere un 3.3 come me. E no, non è un bel voto.

Ma alla fine dovete stare tranquilli, studiare il giusto e divertirvi. E se siete in Germania ricordatevi che per prendere un posto in biblioteca l’appuntamento è alle 8.00 quando è ancora chiusa.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0