Tempo di lettura: 2 Minuti

Tuttapposto: il film anti-favoritismi!

Tuttapposto: il film anti-favoritismi!

Cosa succederebbe se i ragazzi potessero dare un voto ai professori? Ce lo racconta Tuttapposto, un film sulla corruzione! Voti dati a caso, preferen

L’iPhone rosso è la nuova furbata Apple
Instagram, video più lunghi all’evento del 20 giugno
Cheeky Exploits, la nuova moda dei social

Cosa succederebbe se i ragazzi potessero dare un voto ai professori? Ce lo racconta Tuttapposto, un film sulla corruzione!

Voti dati a caso, preferenze nei confronti dei vari alunni, professori che si comportano in un modo diverso a seconda della persona che si trovano davanti. Uno scenario che nelle scuole e nelle università italiane è stato visto fin troppe volte. Proprio di questo parla Tuttapposto, un film (ancora in lavorazione) presto sul grande schermo!

Siamo in un’università in cui tutto è basato sulla raccomandazione. I voti vengono messi per conoscenza (di persone importanti) e il Magnifico Rettore è il padre del protagonista. Roberto è stanco di tutto questo e decide di sviluppare un’applicazione, Tuttapposto appunto, con la quale si possono lasciare varie recensioni che riguardano i professori.

Questo porterà ad uno scenario tutto nuovo, la paura di essere recensiti in modo pessimo porterà i docenti a comportarsi in un modo diverso, più giusto. Gli studenti, attraverso quest’app, diventano i veri protagonisti delle loro vite e cambiano l’università.

In realtà, un sito del genere esiste già. Non in Italia, ovviamente ma negli Stati Uniti. Si chiama Ratemyprofessors ed è utilizzato sia dagli studenti del college che da quelli delle superiori per dare indicazioni sul professore che si sta cercando. Quanto è difficile il suo corso, quanto pretende e anche quanto è facile o difficile prendere un voto alto con lui o lei.

In questo modo, i professori di tutte le fasce di insegnamento sono spinti, insieme ai loro studenti, a dare il massimo. E soprattutto a non essere troppo ingiusti nelle loro valutazioni.

Anche se non possiamo parlare direttamente di corruzione, la disparità di trattamento è un problema che troviamo ogni giorno tra i banchi di scuola e anche se la scuola italiana prevede un sistema di valutazione dell’operato molto spesso questo non è abbastanza.

Chissà se questa idea dell’app diventerà qualcosa di più.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0