Tempo di lettura: 3 Minuti

Le magiche biblioteche di Roma

Le magiche biblioteche di Roma

Non sai dove andare a studiare oggi? Ecco una breve guida sulle più antiche e magiche biblioteche di Roma. Vorresti goderti di più il passato di Roma

UniBologna: il Cua forza la porta dell’aula chiusa e la rioccupa
In Olanda i vagoni del treno diventano biblioteche
How I met Taiwan, Capitolo 7: l’università

Non sai dove andare a studiare oggi? Ecco una breve guida sulle più antiche e magiche biblioteche di Roma.

Vorresti goderti di più il passato di Roma, ma devi studiare? La soluzione può andare nelle antiche biblioteche, dove non solo gli innumerevoli testi risalgono a date lontane, ma la stessa struttura antica ti trasporta in altri tempi.

Biblioteca Angelica:

Situata in piazza Sant’Agostino, la venne fondata nel 1604, a opera del vescovo agostiniano Angelo Rocca. Il salone di lettura, progettato dall’architetto Vanvitelli, è un posto di estrema bellezza e tranquillità. I tavoli di legno, la luce che penetra dalle grandi vetrate, la vista della piazza, i 200mila volumi, tutto ciò rende lo studio un momento magico, mistico.

Biblioteca Casanatense:

Sebbene l’accesso sia limitato, è certamente un luogo che vale la pena visitare. In via di S. Ignazio, venne costruita nel 1701 per volere del cardinale Girolamo Casanate. Oggi conserva 400mila volumi, tutti ordinati secondo le antiche usanze: contraddistinti da dorati cartigli lignei, e suddivisi in tematiche, da quelle principali (le sacre scritture) fino a quelle considerate allora meno degne (come la poesia, storia etc.).

Biblioteca dell’Accademia nazionale dei lincei e corsiniana:

Fra il palazzo della farnesina e l’orto botanico, venne fondata nel 1603 da Federico Cesi. La biblioteca, che rappresentava i numerosi interessi scientifici, insieme al museo costituiva il nucleo del “Liceo”, spazio di incontro tra studiosi di diverse discipline. Oggi la biblioteca è aperta al pubblico ed è possibile prenotare una visita guidata.

Biblioteca della Società geografica italiana:

Nascosta all’interno di villa Celimontana, e dentro palazzetto Mattei, conserva 400mila volumi a tema geografico. In pochi conoscono questo posto, eppure si tratta di una delle biblioteche più importanti d’Italia. Facilmente raggiungibile, grazie alla fermata della metro Colosseo, è il posto che cercate se volete rintanarvi in un’aurea fiabesca.

Biblioteca Hertziana:

Situata dentro di Palazzo Zuccari, è un luogo riservato agli studiosi di storia dell’arte. Superato l’ingresso con l’enorme maschera ispirata ai mostri di Bomarzo, il suo interno si trasforma in un locus amoenus, silenzioso e dove la luce, con delicatezza, illumina ogni spazio.

#FacceCaso

Di Bianca Ruffolo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0