Tempo di lettura: 1 Minuti

Mercato del lavoro: qual è la Laurea migliore?

Mercato del lavoro: qual è la Laurea migliore?

Insieme agli amici di Talents Venture scopriamo quali sono le Lauree più richieste dal mercato del lavoro tramite soprattutto l'esperienza diretta deg

L’emigrazione dei giovany è la nuova paura italiana
Blue Whale, solo una grande bufala?
L’illusione di poter prolungare la vita oltre la morte

Insieme agli amici di Talents Venture scopriamo quali sono le Lauree più richieste dal mercato del lavoro tramite soprattutto l’esperienza diretta degli studenti.

Oggi, grazie agli studi di Talents Venture analizziamo uno dei “nemici” principali di noi giovany: il mercato del lavoro…

Sempre più spesso, che sia durante una puntata serale di un talk show, nelle infinite serie di commenti sotto un post di Facebook o banalmente al pranzo della domenica, i giovani (e gli adulti) dibattono e si scontrano su un tema tanto scontato quanto controverso: “ma la laurea a cosa serve?”

Lo studio dettagliato

E se il tutto finisse qui, basterebbe in realtà poco a giungere ad una risposta esaustiva, tuttavia la questione poi finisce inevitabilmente per degenerare, diventando terreno di scontro tra i sostenitori del “studia le cose che ti sono più utili per trovare lavoro” contro quelli che “non importa quello che studi, segui le tue passioni e realizza i tuoi sogni a ogni costo”.
Ma quanto c’è di vero in queste affermazioni? Difficile dirlo basandosi solo su dei luoghi comuni e per questo, con lo studio “Trovare un lavoro dopo la laurea”, l’Osservatorio Talents Venture ha cercato di dare una risposta a questi interrogativi!

Cosa dicono i numeri? Tre sono i risultati più interessanti:

  1. I corsi di laurea con un tasso di occupazione più basso sono associati, in media, con una più alta percentuale di studenti che dichiara che l’istruzione ricevuta non è adeguata.
  2. D’altro canto, i laureati che non hanno troppe difficoltà a trovare un lavoro – come quelli in Ingegneria Elettronica il cui tasso di occupazione ad un anno dalla laurea è pari al 92% – sono più propensi a riconoscere il valore dell’istruzione acquisita e credono che sia possibile svolgere il proprio ruolo senza una laurea.
  3. Tra gli studenti meno soddisfatti ci sono i laureati di Psicologia e del Gruppo Geo-Biologico. Non c’è da stupirsi se si considera che gli stipendi netti medi ad un annuo dalla laurea, sono di poco inferiori (nel caso di Psicologia, € 718 mensili) e di poco superiori (nel caso dei laureati nel gruppo Geo-Biologico, € 918 mensili) dell’ammontare massimo dell’attuale reddito di cittadinanza (€ 780).

Ecco dunque la classifica degli indirizzi di laurea in base all’utilità delle cose studiate per il mercato del lavoro!

#FacceCaso

By Talents Venture

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0