Tempo di lettura: 3 Minuti

Pantaloni, connessioni e cannabis, notizie scoppiettanti al TG USA

Pantaloni, connessioni e cannabis, notizie scoppiettanti al TG USA

Nell'edizione odierna parleremo di un paio di pantaloni decisamente particolari, di connessioni momentanee e di molto altro. Restate con noi. Stando

La cancellazione di House of Cards, spiegata bene
Walmart paga l’università ai dipendenti
Immatricolazioni all’Università in calo del 20% negli ultimi 10 anni

Nell’edizione odierna parleremo di un paio di pantaloni decisamente particolari, di connessioni momentanee e di molto altro. Restate con noi.

Stando in Italia, si sa, non risulta difficile rimanere informati su quelli che sono gli eventi e le problematiche che caratterizzano le università del nostro Paese. E’ un po’ più raro, invece, leggere o ascoltare notizie sugli atenei esteri, in particolare su quelli d’oltreoceano.

Per ovviare a questo problema noi di FacceCaso abbiamo ideato una rubrica settimanale che ha come obbiettivo quello di portare alla vostra attenzione, attraverso dei flash, le 3 news più interessanti che hanno caratterizzato il panorama universitario statunitense. Siete pronti? Questo è TG USA, let’s start!

Connessione usa e getta

Ormai si sa, viviamo in un mondo nel quale se non si è connessi ad Internet 24 ore su 24 si rischia di rimanere isolati, emarginati. Per questo un team di ricercatori della Birmingham State University di New York sta perfezionando una biobatteria in carta polimerica. Si tratta di un dispositivo usa e getta, biodegradabile ed economico in grado di agganciarsi alla rete per brevi lassi di tempo.

Un invenzione “equilibrata”

E’ questo l’aggettivo ideale per definire gli innovativi pantaloni anti-caduta che l’Harvard Medical School sta mettendo a punto in collaborazione con la “nostra” Università di Padova. Questo capo d’abbigliamento è stato pensato per le persone anziane e permetterà loro di riacquisire la stabilità motoria grazie alla presenza di piccoli motori meccanici che supportano il movimento.

Cannabis, da droga leggera a cura?

Arriva una svolta che potrebbe presto risultare fondamentale nella ricerca di una cura per i tumori. Brooke Worster, scienziata della Thomas Jefferson University di Philadelphia, studierà infatti gli effetti di THC e CBD, i due composti principale della cannabis, su un campione di 400 pazienti malati di cancro con età media di 66 anni.

E con quest’ultima notizia termina qui quest’edizione del TG USA. Noi ti ringraziamo per averci seguito, ti auguriamo una buona serata e se sei arrivato a leggere fin qui allora…FacceCaso!

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0