Tempo di lettura: 1 Minuti

Olimpiadi della fisica: boom di medaglie

Olimpiadi della fisica: boom di medaglie

Alle Olimpiadi della Fisica, in Lettonia, i ragazzi italiani hanno fatto il pieno di medaglie. Ci sono le Olimpiadi di italiano, quelle di matematica

UniBologna: il Cua forza la porta dell’aula chiusa e la rioccupa
L’Università La Sapienza di Roma offre assistenza sanitaria ai propri studenti
WeWorld Index boccia l’Italia, l’istruzione fa acqua

Alle Olimpiadi della Fisica, in Lettonia, i ragazzi italiani hanno fatto il pieno di medaglie.

Ci sono le Olimpiadi di italiano, quelle di matematica e siamo abituati a sentirne parlare. Ma anche le Olimpiadi della Fisica sono importanti, soprattutto se si tengono in Lettonia e a livello europeo.

La squadra italiana, composta da cinque ragazzi di licei sparsi in tutta Italia ha ricevuto ben quattro medaglie. Una d’argento e tre di bronzo per i nostri rappresentanti che si sono beccati anche (in senso positivo ovviamente) una bella menzione d’onore.

Le Olimpiadi Europee della Fisica sono arrivate alla terza edizione e raccolgono ragazzi da ben 35 paesi, compreso il Sud America, che partecipa ma ovviamente è fuori gara.

Quest’anno sono state organizzate dall’Università della Latvia (Lettonia, per noi Italiani) e quindi si sono svolte a Riga, la sua capitale dal 31 maggio al 4 giugno. La gara era divisa in due fasi, una più teorica, composta da tre domande e una pratica, anzi sperimentale. Le giornate si svolgono tra prove, visite guidate e lezioni frontali che raccolgono esperti di fisica provenienti dalle più importanti Università Europee.

Se sei un appassionato delle fisica, nel link puoi trovare i quesiti, che anche a detta del MIUR non erano per niente semplici.

Questo non ci fa che essere ancora più orgogliosi dei nostri ragazzi, che si sono cimentati nelle prove e hanno ottenuto grandissimi risultati, ricevendo i complimenti dal Ministero dell’Istruzione, dal Comitato organizzativo delle Olimpiadi e dall’AIF, l’Associazione per l’Insegnamento della Fisica che organizza la versione italiana della competizione.

Mattia, Pietro, Francesco, Luca e Nikolas sono tornati in Italia pienamente soddisfatti del traguardo raggiunto. E anche noi di #FacceCaso gli facciamo i complimenti, e a dire la verità io li invidio anche un bel po’ perché in fisica non sono mai andata bene.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0