Tempo di lettura: 1 Minuti

A scuola con…Gianluigi Donnarumma

A scuola con…Gianluigi Donnarumma

Che scuola hanno frequentato i campioni italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi Mr 6 milioni: “Gigio” Donnarumma. Vi siete mai

Torna il rugby a Tor Vergata
Holly e Benji che sorpresa! Pronto il ritorno nel 2018
I college americani a caccia di giovani promesse del calcio Italiano

Che scuola hanno frequentato i campioni italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi Mr 6 milioni: “Gigio” Donnarumma.

Vi siete mai chiesti quale scuola avessero frequentato da adolescenti campioni e campionesse del calibro di Buffon o Bebe Vio? Noi sì. E per risponderci (o meglio, per rispondervi) abbiamo ideato una nuova rubrica nella quale ogni settimana ripercorreremo la carriera scolastica di uno sportivo.

Dopo aver esaminato il curriculum studiorum di una calciatrice, oggi ci concentreremo su quello di un calciatore. Un calciatore che a suon di parate (e di capricci) è diventato uno dei portieri più forti e più pagati (percepisce 6 milioni di euro all’anno) della sua generazione: Gianluigi Donnarumma.

L’erede designato di Buffon nasce a Castellammare di Stabia il 25 febbraio del 1999; a 4 anni inizia a giocare nella scuola calcio Club Napoli e a 14 viene ingaggiato dal Milan. Qui, dopo un paio di anni in Primavera, viene promosso in prima squadra dall’allora tecnico dei rossoneri Mihajlovic che lo fa esordire in Serie A ad appena 16 anni e 8 giorni.

A quell’età di solito i ragazzi vanno a scuola e anche Gigio non è da meno. Donnarumma si iscrive infatti all’istituto paritario “Leonardo Da Vinci”, una scuola superiore che si trova a Vigevano (PV), in Via Monsignor Berruti. Obbiettivo: ottenere il prima possibile il diploma di ragioniere.

Un obbiettivo che inizialmente sembrava intenzionato a perseguire ad ogni costo. D’altronde 2 anni fa fu proprio il portierone rossonero a chiedere alla commissione d’esame di posticipare l’inizio dei colloqui orali, così che lui, impegnato con la nazionale negli Europei Under 21 in Polonia, potesse sostenere le prove scritte suppletive.

La sua richiesta venne accolta ma purtroppo Gigio non si presentò, preferendo andarsene in vacanza ad Ibiza. La presidente della commissione lo bacchettò mentre l’ex Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli lo incoraggiò a non mollare e a completare gli studi. Donnarumma l’ha ascoltata e lo scorso anno ha conseguito la maturità all’Istituto “Enrico Fermi” di Castellanza, con un bel 70/100.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0