Tempo di lettura: 1 Minuti

Plastic-free: a Milano si parte dalle scuole

Plastic-free: a Milano si parte dalle scuole

A Milano dal prossimo primo giorno di scuola saranno distribuiti a tutti gli studenti borracce in alluminio per limitare il consumo di plastica. Come

Iscrizioni a scuola, si parte lunedì: ecco il quadro completo
Maturità 2020: l’informativa al senato della ministra Azzolina
Siciliano materia scolastica già a partire da settembre!

A Milano dal prossimo primo giorno di scuola saranno distribuiti a tutti gli studenti borracce in alluminio per limitare il consumo di plastica.

Come noto, purtroppo, i danni ambientali dall’abuso di materiali plastici hanno raggiunto livelli drammatici. Ridurre il consumo di plastica è la sfida per i prossimi anni. E in Italia i primi passi sono già stati mossi. A Milano si è deciso di iniziare dalle scuole. Dall’inizio del prossimo anno scolastico a tutti i ragazzi verranno regalate delle borracce di alluminio. Obiettivo plastic free nel più breve tempo possibile.

Partire dai più giovani è il sistema migliore per educare da subito le nuove generazioni ad un uso più responsabile della plastica. E per dare il buon esempio si inizia dalle cose semplici. Come l’eliminazione delle bottigliette dai distributori, per disincentivarne l’uso. Lo scorso maggio, in via sperimentale, 1200 studenti hanno già ricevuto la propria borraccia. Da settembre, via via toccherà agli altri.

Per dare il buon esempio partiremo dalle nostre partecipate e dai servizi pubblici” ha raccontato a Repubblica il Sindaco del capoluogo lombardo Giuseppe Sala. “E faremo anche azioni simboliche che aiuteranno a riflettere: il Comune regalerà a tutte le bambine e i bambini delle elementari, e ai ragazzi delle scuole medie, al loro ritorno a scuola, una borraccia di alluminio per segnare la nostra volontà di combattere la plastica. Servono segnali e, soprattutto, esempi“.

Il comune, per sostenere i costi, sta cercando società disposte a sponsorizzare il progetto. “Il messaggio che vogliamo dare – insiste il primo cittadino – è che con buone pratiche come questa si può arrivare ad abolire i distributori automatici che hanno solo confezioni di plastica per le bevande“.

La metropoli meneghina comunque è in buona compagnia. Sempre in Lombardia, il comune di Varese già dall’anno scorso ha intrapreso iniziative simili. Anche a Roma le università La Sapienza e Roma Tre da tempo hanno iniziato il disincentivo alle bottiglie dei distributori.

#FacceCaso

Di Tommaso Fefè

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0