Tempo di lettura: 2 Minuti

Suicidi: un grande problema dei giovani

Suicidi: un grande problema dei giovani

I suicidi tra i giovani sono tanti, è la seconda causa di morte nel mondo. Il 10 settembre è la giornata mondiale per la prevenzione del suicidio. Ne

Fondi European Research Council: male l’Italia
Spending review vs scuola: non c’è pace per i docenti
Laurea: 5 consigli per affrontare l’ansia da prestazione

I suicidi tra i giovani sono tanti, è la seconda causa di morte nel mondo. Il 10 settembre è la giornata mondiale per la prevenzione del suicidio.

Nel mondo i suicidi sono la seconda causa di morte giovanile, ovvero tra coloro che hanno un’età compresa tra i 15 e i 29 anni. Il 10 settembre è stata istituita la Giornata Mondiale della prevenzione al suicidio. E molto spesso possiamo fare qualcosa anche nelle nostre vite quotidiane.

Le cause di suicidio, soprattutto tra i giovani possono essere tante e molto diverse tra loro. Dal Bullismo e anche la sua ultima forma, il Cyberbullismo, alla depressione o all’ansia da esami. L’Istat ha registrato che tra le 4.000 morti per suicidio ogni anno, circa il 5% sono ragazzi che hanno meno di 24 anni. Non solo questo, i tentativi di togliersi la vita e i casi di autolesionismo sono aumentati di molto negli ultimi anni, come dicono i registri dell’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma.

Oltre un quarto degli adolescenti in Europa, inoltre, mostra di avere un atteggiamento almeno autolesionista, soprattutto nell’età tra i 14 e i 15 anni. E il presidente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ribadito che nel mondo, ogni 40 secondi una persona muore per causa propria.

E mentre il numero di paesi che adottano strategie per prevenire questi atteggiamenti sale, salgono anche i tentativi. Questo non fa che spostare l’attenzione sul vero significato della prevenzione e sull’importanza di avere un supporto emotivo durante tutte le fasi della vita.

Troppo spesso richiedere una mano viene visto come un segnale di debolezza o non viene data troppa importanza a coloro che lo richiedono. Riconoscere i segnali non è semplice ma si può fare e anche se è difficile prevenire un gesto estremo o un momento di autolesionismo gli aiuti dovrebbero arrivare da tutte le parti.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0