Tempo di lettura: 2 Minuti

Canzoni Part Time è l’EP d’esordio del cantautore Filippo D’Erasmo

Canzoni Part Time è l’EP d’esordio del cantautore Filippo D’Erasmo

Fuori ora su Spotify Canzoni Part Time, l’EP con cui il giovane cantautore piemontese Filippo D’Erasmo debutta sul panorama musicale italiano. Ormai

Salvini e la Scuola di politica
Brando Madonia anticipa il suo album con il singolo “I pesci non invecchiano mai”
Caffellatte torna con un nuovo singolo: ecco “Carta Stagnola”

Fuori ora su Spotify Canzoni Part Time, l’EP con cui il giovane cantautore piemontese Filippo D’Erasmo debutta sul panorama musicale italiano.

Ormai avrete capito che se siete costantemente a caccia di canzoni nuove da ascoltare, FacceCaso è il posto giusto per voi. Come sempre, anche oggi vi parlo di una super novità: il nuovo EP di Filippo D’Erasmo. Prima di scoprire il suo ultimo progetto musicale, vediamo chi è l’autore.

Da Riccardo a Filippo

Riccardo, nome all’anagrafe dell’autore, è un talento a dir poco precoce. Il suo amore per la musica inizia fin da bambino, quando suonava qualsiasi oggetto gli capitasse tra le mani. Le prime vere e proprie canzoni arrivano nel 2009, periodo dopo il quale l’autore inizia anche ad avvicinarsi al mondo della produzione musicale. Dopo anni di studi e pratica, il 2018 è il punto di svolta. L’artista termina i suoi master presso il Cpm Music Institute di Milano (songwriting) e la Mat Academy (arrangiamento e produzione musicale). Raggiunta la completezza artistica, Riccardo inizia il suo percorso musicale prendendo il nome d’arte Filippo D’Erasmo e pubblicando il singolo “Monica sulla Spiaggia di Follonica”.

Canzoni Part Time

Il titolo, a dir poco accattivante, fa riferimento ad un periodo ben preciso della vita del cantautore, diviso tra musica, lavoro, relazioni. Insomma, rappresenta quella sensazione comune un po’ a tutti di sentirsi divisi tra due poli. Sono cinque le canzoni al suo interno, tra cui l’ultimo singolo “Norimberga”. I temi spaziano da storie di rivalsa sociale, di cui parla “Zion Shaver”, a sfoghi personali come in “Milano, Ilaria e la Nebbia”. Più particolare, quasi sui generis, è invece “Anna”, brano onirico, con tendenze quasi erotiche. Il sound rappresenta appieno la cultura musicale dell’artista, affondando le sue radici nel cantautorato italiano senza però rinunciare a qualche contaminazione elettronica.

Se sono riuscita ad incuriosirvi, cliccate qui per ascoltare voi stessi quello di cui sto parlando. Ovviamente, aspetto i vostri commenti qui sotto!

#FacceCaso

Di Alice Favazza

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0