Tempo di lettura: 1 Minuti

La scuola vista dagli adolescenti: ecco come i giovani si auto-valutano

La scuola vista dagli adolescenti: ecco come i giovani si auto-valutano

Una nuova indagine volta a scoprire come giovani studenti e studentesse valutano sé stessi a scuola. Vediamo i risultati di "La scuola vista dagli ado

Abbiamo perso il sonno
Apre in Cile la prima scuola per giovani trans
I ragazzi palestinesi lasciano la scuola

Una nuova indagine volta a scoprire come giovani studenti e studentesse valutano sé stessi a scuola. Vediamo i risultati di “La scuola vista dagli adolescenti”.

Laboratorio Adolescenza insieme con Canale scuola di Corriere.it hanno messo in atto una bella iniziativa che porta i giovani ad auto-valutarsi all’interno dell’ambiente scolastico. Per una volta scopriamo la percezione di studenti e studentesse e non quella dei docenti grazie a “La scuola vista dagli adolescenti”.

La scuola vista dagli adolescenti: l’iniziativa

Siamo sempre stati abituati al fatto che a scuola dobbiamo essere giudicati da professori e professoresse. Siamo costantemente giudicati sulla base delle nostre verifiche, esami, interrogazioni ecc… Ma qual è la vera percezione gli alunni e le alunne hanno di sé stessi? Questa corrisponde alla realtà? Laboratorio Adolescenza e Canale scuola di Corriere.it hanno preparato un’indagine che ha visto partecipare 780 tra studenti e studentesse delle scuole superiori di Milano per rispondere a queste domande.

I risultati dell’indagine

Come si può immaginare la grande maggioranza dei giovani che hanno risposto all’indagine si considerano studenti intermedi. Infatti il 59,9% di loro ritiene di andare “abbastanza bene” e il 26,4% invece “così così”. Insieme questi due dati costituiscono l’86,3%. Ci sono poi le eccezioni: l’11% ritiene di andare “molto bene” e l’1,9% crede di andare “male”. La particolarità di questo dato è che poi in realtà i bocciati/e a fine anno non sono solo l’1,9% ma il 7,8%.

La percezione dei voti ottenuti

Un altro dato molto interessante che emerge dall’indagine è che quasi la metà degli intervistati/e sostiene che i voti ottenuti a scuola non rispecchino veramente la preparazione. Infatti il 47,6% ritiene che i voti assegnati loro dai docenti penalizzino alunni e alunne. Su questo punto si potrebbe aprire un grande dibattito che potrebbe essere legato anche a tutta la questione dello stress che la scuola genera sui giovani. Una cosa è evidente però, ovvero che quasi la metà degli studenti si senta frustrato/a dai propri risultati scolastici.

Secondo voi sono i docenti troppo severi o sono gli alunni troppo generosi con sé stessi?!

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0