Tempo di lettura: 2 Minuti

Test per medicina: via alle iscrizioni

Test per medicina: via alle iscrizioni

Via da oggi alle iscrizioni per i test di ammissione alle facoltà di medicina. C'è tempo fino al 23 luglio. La prova si terrà il 3 settembre. Non c'è

Retribuzioni e Lauree: ecco quali offrono le prospettive migliori
Per guadagnare bene bisogna studiare matematica
Lo sperma dei giovani svizzeri tra i peggiori in Europa

Via da oggi alle iscrizioni per i test di ammissione alle facoltà di medicina. C’è tempo fino al 23 luglio. La prova si terrà il 3 settembre.

Non c’è tregua per i giovani. Nemmeno il tempo di tirare un sospiro di sollievo per la fine degli esami di maturità, che già è tempo di pensare ai prossimi test. Almeno per quelli che sceglieranno di proseguire il proprio percorso di studi all’università. Da oggi, infatti, scatta il via alle iscrizioni per la prova di ammissione alle facoltà di Medicina. Ci sarà tempo fino al 23 luglio poi sotto con lo studio. Appuntamento al 3 settembre per il quizzone.

Attenzione però: non sarà tutto come al solito. Rispetto agli anni passati, questa volta sono previste alcune grosse novità circa le modalità di svolgimento della preselezione, oltre che un aumento dei posti disponibili.

Negli atenei pubblici, infatti, sono messi a bando poco più di 13000 posti. Qualcosina in meno rispetto a quanto aveva annunciato il ministro Manfredi (che parlò di 13500), ma sono comunque circa 1500 in più rispetto all’anno scorso. Probabilmente l’emergenza sanitaria appena affrontata ha convinto le istituzioni della necessità di allargare le maglie e di investire maggiormente nella formazione di nuovi operatori sanitari. Basti pensare che nel 2018 furono solo 9.779 in tutta Italia i fortunati a potersi immatricolare. La scelta di ampliare la disponibilità, inoltre, è stata dettata anche dall’insostenibilità di oltre 18 mila ricorsi ogni anno per irregolarità, vere o presunte.

Ma anche dal punto di vista sostanziale la prova cambierà molto. Innanzitutto, per adattarsi alle norme imposte dal contenimento della diffusione del Coronavirus, la sede in cui si andrà a sostenere l’esame non sarà più quella della prima preferenza indicata dai candidati, ma quella “più vicina a casa“. Così si limiteranno gli spostamenti al comune o alla provincia limitrofa più vicina. E solo in subordine, in caso di insufficienza di posti disponibili, qualcuno potrà muoversi oltre i confini regionali.

Previste 60 domande a risposta multipla da compilare in 100 minuti. Gli argomenti saranno chimica, biologia, fisica matematica, logica e cultura generale. Con differenti quantitativi per ciascuno. La fetta maggiore (i 2/3 del totale) spetta infatti alle materie scientifiche elencate.

Per quanto riguarda le università private, invece date e sistemi di selezione, per medicina come per le altre facoltà, sono decisi in maniera autonoma. Ecco una breve lista, pubblicata on line dal Corriere della Sera, di alcuni principali atenei: Humanitas, 14 febbraio; Cattolica, 29 e 30 luglio; San Raffaele, dal 24 al 31 agosto; Unicamillus, 1 febbraio; Campus Bio-Medico, 31 luglio.

#FacceCaso

Di Tommaso Fefè

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0