Tempo di lettura: 3 Minuti

Come si diventa astronauti?

Come si diventa astronauti?

Realizzare questo sogno potrebbe non essere un’impresa così impossibile, vediamo insieme come si fa a diventare astronauti. Verso l’infinito e oltre!

Negli Usa arriva la laurea sulla Chimica della Marijuana
Per la prima volta l’Italia vince un oro alle Olimpiadi internazionali di Biologia!
Retribuzioni e Lauree: ecco quali offrono le prospettive migliori

Realizzare questo sogno potrebbe non essere un’impresa così impossibile, vediamo insieme come si fa a diventare astronauti. Verso l’infinito e oltre!

In occasione del 50° anniversario dell’allunaggio sembra doveroso istruire le nuove generazione sulle modalità con le quali si possa realizzare il sogno di raggiungere le stelle diventando astronauti.

Che studi devo fare?

Anzitutto c’è da sapere che l’età preferita si colloca tra i 27 e i 37 anni, quindi giovani state tranquilli avete tempo, vi sono poi alcuni presupposti principali che consentono di presentare domanda all’Agenzia Spaziale Europea.
Il primo è quello di possedere un curriculum accademico, o militare relativo al pilotaggio di velivoli (sono richieste almeno 1000 ore di volo, una perfetta conoscenza dell’inglese, un’altezza compresa tra 1.53 e 1.90.

La domanda può essere effettuata dai laureati, o da coloro che dispongono di un titolo equivalente alla laurea, in:

  • Scienze Naturali (fisica, biologia, chimica, matematica)
  • Studi aeronautici e astronautici
  • Ingegneria
  • Medicina

Una preferenza verrà rivolta a coloro che hanno già avuto un’esperienza lavorativa nel relativo campo oppure un’esperienza di volo attivo, in entrambi i casi di almeno tre anni. I candidati dovranno dimostrare di avere grandi capacità nel proprio campo, e voti stellari.

La salute prima di tutto

La domanda di candidatura dovrà essere corredata dai certificati medici del caso che attestino la perfetta salute psicofisica degli aspiranti astronauti, verranno respinte le domande fatte dai candidati dipendenti da fumo e alcoolici. Per quanto riguarda i problemi alla vista è bene ricordare che l’obbiettivo finale è quello di avere 10/10 anche con l’ausilio di occhiali o lenti a contatto senza però aver ricorso agli interventi laser.

Ultimi step

Qualora veniste accettati, l’ESA vi contatterà e seguirà una selezione iniziale in accordo con criteri di base;
Successivamente verranno fatti ai candidati prescelti:

  • Una serie di test psicologici
  • Una seconda fase di test psicologici e colloqui
  • Esami medici
  • Colloquio di lavoro

La lista finale dei candidati verrà sottoposta al Direttore Generale dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) per il reclutamento.
Inutile dire che la concorrenza in questi bandi rappresenta forse la più difficile da battere in assoluto. In fin dei conti non poteva essere troppo semplice raggiungere le stelle. Altrimenti che gusto ci sarebbe ad arrivare fin lassù.

#FacceCaso

Di Alessandro Mameli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0