Tempo di lettura: 1 Minuti

Conosci gli Otome games? Il nuovo trend giapponese di videogiochi per ragazze

Conosci gli Otome games? Il nuovo trend giapponese di videogiochi per ragazze

Gli Otome games sono dei videogiochi di “simulazione di amori”. Un vero e proprio trend che sta spopolando in Giappone. Scopriamoli in questo articolo

La rivalsa del gatto e un taglierino aggressivo, ospiti d’eccezione al TG USA 2.0
Lascereste la vostra ragazza per i videogame?
Unioni rainbow alla Camera: è sì!

Gli Otome games sono dei videogiochi di “simulazione di amori”. Un vero e proprio trend che sta spopolando in Giappone. Scopriamoli in questo articolo.

Le ragazze Giapponesi impazziscono per gli Otome games. Le giocatrici di Otome si definiscono “ragazze dei sogni” e vivono una sorta di vita parallela che le porta a innamorarsi di personaggi esistenti solo dentro i videogiochi.

Cosa sono esattamente gli Otome games?

Come avrete capito dalle prime righe, gli Otome sono un nuovo tipo di videogioco che sta spopolando in Giappone. É un tipo di gioco pensato proprio per le ragazze, in fatti il significato di otome è proprio “ragazza”. In questi giochi le ragazze sono portate a innamorarsi degli stessi protagonisti del gioco. In sostanza questi giochi sono una sorta di simulatore di appuntamenti e lo scopo è quello di far provare alle giovani le sensazioni che proverebbero nella realtà. Nel gioco però è più facile, ovviamente gli appuntamenti vengono avvengono con dei bishounen ovvero dei giovani attraenti.

L’esclusione sociale delle ragazze dei sogni

Gli Otome ormai esistono da tempo e sono realmente popolarissimi nel Paese. Addirittura un’intera strada è stata dedicata a questi giochi la “Otome Road” di Ikebukuro. In questa via si vendono e pubblicizzano gli Otome games. Il fatto che giocare a questo tipo di videogames sia sempre più popolare tra le ragazze giapponesi ha generato una sorta di esclusione sociale. Le dream girls, come si definiscono loro, sono escluse socialmente perché non rispettano quelle istituzioni familiari in Giappone ancora molto radicate. Vengono giudicate come perdenti, e a loro volta si fanno chiamare dream girls per combattere questa esclusione sociale.

Questo fenomeno che può sembrare anche diverte e sicuramente curioso ci deve un po’ far riflettere. Il fatto di vivere online delle relazioni o degli appuntamenti ideali che nella realtà non saranno mai replicabili che effetto ha sulle ragazze e sulle donne? Voi che ne pensate?

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0