Tempo di lettura: 2 Minuti

Ciao 2020: il Capodanno trash russo è un omaggio all’Italia

Il 30 dicembre 2020, il primo canale della televisione russa ha mandato in onda uno spettacolo ispirato agli anni 80 italiani intitolato “Ciao 2020”.

Conseguenze: fuori ora il nuovo EP del cantautore pugliese Blumosso
Algoritmo per tornare a scuola: cosa cambia con queste novità?
DPCM – Il Gioco: il 2020 e la pandemia diventano un gioco da tavolo

Il 30 dicembre 2020, il primo canale della televisione russa ha mandato in onda uno spettacolo ispirato agli anni 80 italiani intitolato “Ciao 2020”.

Il nome Ivan Urgant non vi dirà nulla, giustamente. È un presentatore televisivo, il Fiorello russo, o Carlo Conti, Paolo Bonolis o chi vi sta più simpatico. Dal 2012 conduce sul primo canale russo (Pervyj Kanal) un talk show ispirato al David Letterman Show. Il 31 dicembre ha realizzato una puntata speciale, Ciao 2020, dedicata all’Italia, per salutare il passato anno funesto.

Urgant ha aperto la serata spiegando che la consueta puntata di fine anno non è stata realizzata, il 2020 è stato troppo triste, mancava l’umore. Per riempire il palinsesto dice di essersi rivolto ai colleghi italiani per trasmettere il loro (nostro) concerto di Capodanno, “Ciao 2020”. È ovviamente uno scherzo, una messinscena, per lanciare la particolare puntata.

Così, sul primo canale della Russia, lo show di Capodanno era completamente in italiano, sottotitolato in russo. Tutti i partecipanti parlavano la nostra lingua, i loro nomi italianizzati: Ivan Urgant è diventato Giovanni Urganti.

Il pubblico russo è stato catapultato in uno show dell’Italia degli anni ’80. Costumi, scenografie, regie e inquadrature dell’epoca sono stati riprodotti fedelmente dalla produzione russa che ha condito il tutto con luci al neon e battute trash. Noti cantanti russi hanno cantato versioni italiane delle proprie canzoni. Il gruppo LittleBig ha addirittura proposto una cover hardbass di “Mamma Maria” dei Ricchi e Poveri in un italiano perfetto.

La produzione televisiva russa ha anche realizzato parodie delle pubblicità italiane. Uno spot che promuoveva il detersivo “Buono” mostrava una donna a letto con l’amante. Quando il marito li scopre, chiede spiegazioni. Lei risponde che grazie al detersivo termina subito le faccende di casa e può dedicare più tempo all’amore.

Lo spettacolo ha avuto grande risonanza anche sul web, ricevendo milioni di visualizzazioni. Lo stesso Urgant è rimasto sorpreso dal successo del suo omaggio all’Italia. E anche noi, con immenso piacere, seguiamo gli amici russi e salutiamo il 2020 in tutte le lingue del mondo!

#FacceCaso

Di Luca Matteo Rodinò

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0