Tempo di lettura: 2 Minuti

Covid Room b-day: abbiamo intervistato uno dei fondatori in diretta su Radio Sonica…

Covid Room b-day: abbiamo intervistato uno dei fondatori in diretta su Radio Sonica…

Dopo il successo dell’articolo abbiamo deciso di parlare con una delle teste dietro Covid Room. Ecco a voi l'intervista di Andrea in diretta su Radio

Scuole super sicure, è vero: ma fuori dai cancelli che succede??
Natale e Capodanno… che ne pensa l’Europa? Faremo festa?
Celebriamo la giornata internazionale per l’accesso all’informazione!

Dopo il successo dell’articolo abbiamo deciso di parlare con una delle teste dietro Covid Room. Ecco a voi l’intervista di Andrea in diretta su Radio Sonica…

Teste dietro Covid Room: ecco l’intervista ad Andrea Giuseppe Parialò  di _Riccardo Zianna_ e riportata da Martina Borrello andata in onda venerdì 12 Marzo su Radio Sonica.

Ciao Andrea! Innanzitutto ti chiedo una descrizione dell’evento di stasera, il b-day party di Covid Room, info generali direi…

Ciao Riccardo!
Allora, l’evento è oggi e domani, sono due serate. Dalle 18 alle 6 del mattino… Abbiamo collaborato con artisti digitali e 17 organizzazioni da tutto il mondo. Avremo arti performative e dj set.
La line-up è composta da musica di tutti i generi ma con una base prettamente elettronica. Le prime ore saranno le più calme e intensificheremo il tutto alla fine, per ballare alle 4 del mattino ci vuole qualcosa di strong.

Ovviamente l’evento si svolge online, quali sono le piattaforme tramite le quali entrare nella Covid Room?

Allora la cosa migliore per avere tutte le informazioni è seguire il nostro Instagram dove posteremo gli aggiornamenti, in bio di IG ci sarà anche il link d’accesso alla Covid Room.

Su Twitch si può seguire in modo gratuito la serata come auditors, ma per divenir parte proprio dell’evento si dovrà accedere su Zoom (il link sarà nella descrizione di twitch) pagando un piccolo contributo per supportare la scena artistica. Per il nostro compleanno abbiamo cercato proprio di creare questa “raccolta fondi” per i nostri e-artists. È un momento difficile per il mondo dell’intrattenimento.

Qual è il processo dietro l’organizzazione di un e-event? quanto è più complesso rispetto alla classica “serata” a cui eravamo abituati?

Bellissima domanda!
Allora, l’organizzazione di un evento elettronico da un punto di vista formale e iniziale è molto simile a quello dell’evento fisico. Ovvero alla questione e-mail, inviti per artisti…

Se c’è una difficoltà che abbiamo riscontrato è che alcuni artisti non sono molto skillati col computer, non sono dei pro di software e questo crea qualche problema tecnico nelle performances….
Un altro concetto particolare è quello del fuso orario: abbiamo avuto e avremo stasera degli artisti australiani e canadesi. Però noi vogliamo proporre un evento live, questa è la nostra peculiarità. Non ci piace l’idea di fare una serie di preregistrati, stasera ne avremo giusto alcuni a causa di impegni improvvisi degli artisti. Non è un dissing però…

Adesso facciamo partire un pezzo che ci darà un’idea di quanto si ballerà forte stasera. Entriamo un po’ nel mood come dire…

Questa serata ci riporterà in ambienti che quasi ci siamo dimenticata. La vostra schedule di oggi sarà fittissima, quindi prima di lasciarti andare ti propongo la seconda domanda che aveva preparato Martina…

L’obiettivo è quello di socializzare e fare community in spazi virtuali che in un certo senso sfidano il covid. Secondo voi si può parlare di un modo nuovo di socializzare che potrebbe protrarsi nel futuro?

Questa è una domanda a cui abbiamo pensato molto anche nel team per capire proprio il futuro del progetto. Ora funziona perché “mette ‘na pezza”.

Ma quando tutto sarà normale, e speriamo onestamente presto, come andrà?
Sicuramente questo momento di difficoltà ha fatto emergere il problema di non riuscire a socializzare o a riportare una piazza di cultura nel mondo online. Noi cercheremo, credo, in un futuro di riprodurre ancora questo metodo di socializzazione.
Non sostituirà sicuramente la vita vera, ma è stato uno spunto per molti per andare a re-immaginare il modo di comunicare e interagire online.
Secondo me arriveranno un sacco di nuove esperienze con questo tipo di ottica: socializzare.

Manca tanto a tutti socializzare, stare insieme, fare gruppo, stare tutti appiccicati…

Eh, si! Prima mi lamentavo quando entravo in discoteca nella confusione. Ora quasi ho nostalgia…
Nessuno ha il coraggio di dirlo, ma ormai ci manca anche ballare appiccicati e sudati.

Grazie per l’immagine “vomitevole” Andrea… ti chiameremo paladino del sudore!!

No, dai. Chiamatemi solo paladino…

Allora invitiamo tutti a seguire e partecipare stasera alla Covid Room e facciamo partire il secondo brano che ci darà un ulteriore scorcio della serata che si prospetta!!

#FacceCaso

Di Martina Borrello

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0