Tempo di lettura: 2 Minuti

Ed ecco come Roma viaggia sulla cresta dell’onda: “Cowabunga” giovany!

Ed ecco come Roma viaggia sulla cresta dell’onda: “Cowabunga” giovany!

La Sapienza supera Oxford e il Financial Time definisce il litorale di Roma “il paradiso del surf”: scopriamo che cosa ci teneva nascosto la Città Ete

Grasso ci spiazza con la proposta di un’Università gratis per tutti. Si può fare?
La Bicocca è l’Ateneo più green d’Italia
Coronavirus, in Toscana arriva il menù cinese anti-psicosi

La Sapienza supera Oxford e il Financial Time definisce il litorale di Roma “il paradiso del surf”: scopriamo che cosa ci teneva nascosto la Città Eterna.

Oltre a rimanere la patria del buon cibo e la culla dell’arte, Roma conquista punti su lati sorprendentemente inaspettati. E il Made in England… subisce un grande smacco!

Infatti “Mamma Roma” si sta togliendo un bel po’ di soddisfazioni: non solo ha visto la sua “Sapienza” superare Oxford nella classifica QS Ranking by Subject 2021 come migliore ateneo del mondo, ma anche il litorale romano ha in serbo grandi sorprese.

E allora, cari amici surfisti, vi consiglio di trovare un posticino sotto la Gold Coast australiana nella lista delle mete ambite perché il litorale di Roma è il nuovo eden del surf!

I complimenti e le conferme arrivano direttamente dal prestigioso Financial Time che, descrivendo un viaggio nella Capitale, ha definito la costa che va da Ostia a Torvaianica come “20 km di puro paradiso.

E se per alcune regioni italiane non era una novità, vedi in Liguria Varazze che, spodestando le onde francesi, si aggiudica il titolo come migliore spot (in gergo è la spiaggia per surfare), nel frattempo il mare laziale diventa la migliore line up (in gergo è la zona per prendere l’onda).

Così il quotidiano britannico, esperto di bel vivere, ricorda di fare spazio a tavola e crema nella valigia di tutti i viaggiatori internazionali – non solo romani e limitrofi – che si vogliono recare a Roma, approfondendo anche il tema periodo/clima migliore (per i surfer, eh!) che va proprio da settembre a marzo.

L’estate? È il momento ideale per prendere confidenza con le prime onde da cavalcare.

I lati marittimi della Capitale acquistano fascino affrontando una lotta interna tra destinazioni quali Santa Severa e Santa Marinella – da sempre invase dai patiti di windsurf e kitesurf – e Ostia che rimane in pole position per le lunghe spiagge ferrose e i venti più forti.

Mi dispiace Beach Boys, ma quanno ce vo, ce vo!

#FacceCaso

Di Eleonora Santini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0