Tempo di lettura: 3 Minuti

Common Pass, il passaporto digitale per tornare a volare in sicurezza

Common Pass, il passaporto digitale per tornare a volare in sicurezza

Il passaporto digitale Common Pass potrebbe essere già disponibile dal 2021: un nuovo modo di viaggiare e di proteggersi dal covid. Avete presente il

Celebriamo la giornata internazionale per l’accesso all’informazione!
Niente esami di terza media quest’anno. L’ha detto la Ministra Azzolina
Il lato divertente (e non deprimente) della scuola ai tempi del Covid

Il passaporto digitale Common Pass potrebbe essere già disponibile dal 2021: un nuovo modo di viaggiare e di proteggersi dal covid.

Avete presente il tradizionale passaporto che usiamo per viaggiare e attestare i nostri spostamenti da uno stato all’altro? Ecco, dimenticatelo, perché presto andrà in pensione e verrà sostituito da una nuova versione elettronica, Common Pass. Il progetto è stato lanciato dal World Economic Forum e The Common Project, due gruppi che si occupano di servizi digitali e globali di utilità comune.

Il nodo degli spostamenti in tempo di covid è molto difficile da scogliere. Come tracciare tutti i passeggeri per sapere che non siano contagiosi, o asintomatici o provengano da zone a rischio? Ecco che arriva in aiuto il passaporto standardizzato globale con le certificazioni in tempo reale su immunità, tamponi e vaccinazioni.

Ogni frontiera ha regole e requisiti d’accesso differenti e in continua evoluzione, quindi Common Pass si pone come intermediario neutrale tra i governi dei vari Paesi, dando una sorta di coordinamento internazionale. La neutralità è l’aspetto che garantirebbe al nuovo passaporto di conquistare la fiducia reciproca tra Paesi diversi.

La rilettura di test anti covid e altre misure precauzionali secondo standard globali permetterebbe anche di evitare quarantene non necessarie o di capire subito dove intervenire con la verifica della positività. Grazie alla standardizzazione dei requisiti sarà molto più semplice viaggiare. Le compagnie aeree United Airlines e Hong Kong Cathay Pacific hanno già avviato la sperimentazione di Common Pass sui propri voli nelle rotte che collegano Hong Kong, Singapore, Londra e New York.

Common Pass, stando a quanto affermano gli sviluppatori, raccoglierà le informazioni sanitarie in modo sicuro e le custodirà con grande riservatezza. La gestione delle tecnologie utilizzate, aggiungono, sarà aperta, indipendente e senza scopo di lucro.

La sua utilità non si limita alla sicurezza sanitaria relativa al covid, ma potrà essere ampliata anche ad altre malattie o a future pandemie. La domanda è sempre la stessa: i nostri dati, sono davvero al sicuro? Sarà la questione del XXI secolo.

#FacceCaso

Di Luca Matteo Rodinò

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0