Tempo di lettura: 2 Minuti

Gaia Restifo vince Ivisionatici Music Festival! Ecco l’intervista

Gaia Restifo vince Ivisionatici Music Festival! Ecco l’intervista

Trionfa nella categoria "Interpreti" del festival andato in scena al teatro degli Eroi di Roma ed ora Gaia Restifo si fa quattro chiacchiere con noi!

Mezzi di trasporto. I giovani preferiscono muoversi a piedi o in bici. E voi?
Giallo sulla morte dello studente suicida al Santa Maria: il motivo potrebbe nascondersi nello smartphone
Li chiamano “Xennials”: un po’ generazione X e un po’ Millennials

Trionfa nella categoria “Interpreti” del festival andato in scena al teatro degli Eroi di Roma ed ora Gaia Restifo si fa quattro chiacchiere con noi!

L’associazione culturale IVISIONATICI, fondata dalla nota cantautrice Veronica Di Nocera, il musicologo Emanuele di Franco e la critica cinematografica Annachiara Monaco, ha indetto il festival a carattere internazionale IVISIONATICI MUSIC FESTIVAL, volto alla valorizzazione del talento e delle doti artistiche di cantautori, interpreti e band e lo scorso 8 Luglio 2022 sono andate in scena le finali!

A trionfare per la categoria “Interpreti” è stata Gaia Restifo. E noi ci abbiamo fatto quattro chiacchiere…

Partiamo proprio dalle basi: come nasce il percorso musicale di Gaia Restifo?
Non so dire con precisione quando è iniziato il mio percorso musicale, ho sempre cantato sin da piccola, banalmente posso dire di essere stata cresciuta a pane e musica. I miei parenti, ma anche le mie maestre, hanno sempre notato un certo interesse nei riguardi della musica da parte mia e proprio per questo a 9 anni ho iniziato a studiare canto e solfeggio, per poi approcciarmi allo studio del flauto alle scuole medie. Ho iniziato poi a partecipare ai concorsi da quando ho 11 anni e ancora oggi continuo.

Questi ultimi anni sono stati difficili per la musica e per il mondo dello spettacolo in generale. Che effetto hanno avuto sulla tua arte?
Questi ultimi anni mi hanno messa molto in difficoltà sotto molti aspetti, per quanto riguarda l’aspetto musicale non mi ha permesso di esibirmi in pubblico e per una persona molto introversa come me non è l’ideale, ho perso l’abitudine di stare sul palco e quando mi ci sono ritrovata sopra dopo tanto tempo mi sono fatta divorare dall’ansia. Da una parte però mi ha permesso di dedicarmi allo studio del canto come non avevo mai fatto, vista la quantità di tempo libero e, soprattutto, mi ha permesso di cominciare ad approcciarmi alla scrittura.

Sei stata la vincitrice della categoria “Interpreti” de Ivisionatici Music Festival: ci racconti questa esperienza?
Ho partecipato a molti concorsi canori e non sempre è facile trovare un buon ambiente o una buona organizzazione, Ivisionatici avevano entrambi, ma soprattutto il festival ha dato un’opportunità grandiosa a tutti i finalisti. Spesso ai concorsi ci sono i soliti tre premi che metti sulla mensola e finisce lì, trovo invece che il fatto di dare l’opportunità a tutti i finalisti di lavorare a un proprio inedito sia una cosa molto bella e non è da tutti dare una possibilità del genere.

Questo è un sito dedicato agli studenti: ci racconti il percorso scolastico/universitario?
Anche scolasticamente parlando ho sempre preferito i percorsi musicali, ho frequentato la scuola media ad indirizzo musicale iniziando a studiare il flauto traverso e dopo ho continuato a studiarlo al liceo musicale, dove ho cominciato a studiare anche il violino. Probabilmente anche dopo la fine del liceo continuerò a studiare musica, magari in conservatorio.

Nel 2022 esistono ancora tante, troppe “battaglie” da fare. Dalla differenza di genere al razzismo, dall’inquinamento alla guerra… Secondo te che ruolo gioca la musica?
La musica al giorno d’oggi assieme ai social sia uno dei metodi di sensibilizzazione più utilizzati, ma così come i social deve essere utilizzata responsabilmente. Purtroppo esistono ancora molte canzoni che utilizzano termini discriminatori nei confronti di persone di differenti etnie o che parlano della donna in modo quasi primitivo. Per fortuna però esistono artisti che utilizzano la musica per, appunto, sensibilizzare su questi argomenti e che provano a infrangere tutti gli stereotipi che troviamo spesso nella nostra società.

Gaia grazie per questa bella chiacchierata, lasciamoci con uno spoiler: quali saranno i tuoi prossimi step?
In quest’ultimo periodo c’è molta voglia da parte mia di mettermi a nudo, di condividere le mie emozioni e le mie esperienze e proprio per questo vorrei continuare a scrivere e a far nascere canzoni mie, cosa che sarà possibile anche grazie a Ivisionatici che, come dicevo prima, ci ha dato l’opportunità di lavorare a un inedito.

#FacceCaso

Di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0