Tempo di lettura: 1 Minuti

Nella migliore università del Giappone solo una studentessa su 5 è donna

Nella migliore università del Giappone solo una studentessa su 5 è donna

Disparità di genere, gender gap, chiamiamolo come ci pare ma il concetto è sempre quello e nelle università del Giappone la situazione è abbastanza gr

How I met Taiwan, Capitolo 6: l’autobus 67
Essere occidentali a Pechino: tra curiosità e piccole difficoltà
Alla scoperta di Dacca: una capitale che ti toglie le energie. Vi spiego perché

Disparità di genere, gender gap, chiamiamolo come ci pare ma il concetto è sempre quello e nelle università del Giappone la situazione è abbastanza grave.

Solo una ragazza ogni cinque studenti, questi sono i dati relativi alla presenza femminile alla Tokyo University, ovvero la migliore e più prestigiosa università del Giappone. Da cosa deriva questa situazione di disparità? Probabilmente da un retaggio culturale ancora troppo ancorato nella società.

Disparità di genere

Per quanto il Paese del Sol Levante possa essere avanti sotto tantissimi aspetti, dal punto di vista dell’uguaglianza proprio non ci siamo. Infatti, come ha riportato il Corriere.it un’indagine ha svelato dati abbastanza imbarazzanti al riguardo: la migliore università della Capitale Giapponese ospita solamente una donna ogni cinque studenti maschi. Pochi giorni fa vi raccontavo di come nelle università italiane, invece, sebbene le studentesse universitarie siano pari o addirittura di più degli uomini, la presenza femminile invece è quasi inesistente ai vertici, potete leggere l’approfondimento qui. In Giappone il problema sta proprio alla base.

Un retaggio dal passato?

Le disparità di genere, in generale, sono frutto di retaggi del passato, nel senso che la stragrande maggioranza delle culture del mondo è di tipo patriarcale e, sebbene, piano piano le cose in generale stiano migliorando, l’uguaglianza tra uomo e donna è un obiettivo ancora lontano in tutti gli ambiti. In Giappone questa impostazione strettamente patriarcale impernia ancora molto la cultura del Paese. Secondo quanto riportato da Corriere.it, infatti, questi drammatici dati riguardanti la non-presenza femminile nelle università del Giappone ha un’origine ben definita.

Il ruolo della donna in Giappone

A quanto pare la donna in Giappone ha un ruolo subordinato a quello dell’uomo e per questo deve badare a non essere meglio dell’uomo. Una donna che dovesse essere troppo preparata, o troppo ricca farebbe sicuramente più fatica a trovare marito.

Il Giappone sarà anche un Paese all’avanguardia, ma queste disuguaglianze di genere sicuramente non lo rendono un paese avanzato. 

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0