Tempo di lettura: 1 Minuti

Fenomenologia di Gigi D’Agostino: resurrezione sui social

Il Capitano Gigi Dag sta cavalcando l’onda del successo, come nel massimo splendore degli anni 90. Ma come si può spiegare la mania esplosa intorno a

Terremoto: un campo estivo per sorridere
Referendum, il no dei giovany e il sì dei vekky: ma è davvero scontro generazionale?
Maker Faire Roma 2016

Il Capitano Gigi Dag sta cavalcando l’onda del successo, come nel massimo splendore degli anni 90. Ma come si può spiegare la mania esplosa intorno a lui, 16 anni dopo?

Certi fatti sembrano inspiegabili, mentre altri sono sempre riconducibili a qualcosa. Ecco, alcuni pensano che la rinnovata celebrità di Gigi D’Agostino non si possa spiegare del tutto, ma la verità parla di motivi facilmente individuabili.

È il 2016, e arrivati alle porte dell’estate, un tormentone impazza tra i giovani, più di tutto il resto. Non è l’ultima canzone di Fedez e J-Ax, né il solito pezzo di Calvin Harris. È l’Amour Toujours, hit e disco di platino del 1999, la canzone che ha consacrato definitivamente l’uomo dal pizzetto ossigenato a Dj più celebrato del decennio (epoca d’oro della commerciale).

Era il padrone del genere, apripista della cosiddetta “mediterranean progressive”. Proprio il suo successo aprì il mercato a una miriade di novità, cosa che lo fece perdere sempre più di vista dal 2000 in poi. E allora come mai le sue canzoni sono le più ballate adesso, e non da romantici trentenni che hanno vissuto quel periodo, ma dai più giovani, che certo non coincidono con la sua golden age?

Una causa è principe della riapparizione internazionale: un aftermovie di Tomorrowland ha come colonna sonora “L’amour toujours” remixato da Dzeko & Torres con la voce di Delaney Jane per una cover.
Però questo non è sufficiente a rendere chiaro il tormentone 2.0. La verità è che il potere dei social network e dei suoi utenti è più che smisurato. L’interazione che un profilo su Facebook può avere con migliaia di persone ovunque nel mondo, rende qualsiasi cosa virale e globalizzata. Ancora di più un video, una canzone o una parodia, può coinvolgere un popolo social intero.

E così da qualche video ironico, magari a tema tamarragine e ignoranza, si è arrivati a riutilizzare questo “artista”, un po’ associato al trash, ma che di fatto continua a spopolare in ogni filmato o post, come sinonimo di età gloriosa. Dal social alla discoteca il passo è brevissimo, perché lì si riproiettano tutte le tendenze musicali dei giovani, e questa si che lo è: la hit 2016 nasce dal web, nasce dall’ironia e dalla “gloria” eterna dell’evergreen Gigi D’Agostino. La canzone su ogni spiaggia e discoteca, da qui a settembre, non potrà che essere “L’amour toujours”.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0