Tempo di lettura: 2 Minuti

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo EP di Spera

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo EP di Spera

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è Spera a passare sotto le grinfie della nostra redazione per parlare del nuovo EP. Esce

Canzoni Part Time è l’EP d’esordio del cantautore Filippo D’Erasmo
FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo EP di KABO
Numero Uno: è fuori ora l’EP d’esordio della musicista ternana Marta Fabrizi

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è Spera a passare sotto le grinfie della nostra redazione per parlare del nuovo EP.

Esce venerdì 1 luglio 2022 per Giungla Dischi “Grigia provincia”, l’EP di debutto di Spera. Ecco il nuovo capitolo definitivo ed autobiografico già anticipato dal singolo “Vaniglia” feat. Paoluzi per uno dei nomi interessanti della scena underground. Spera, ex Alte Frequenze, ci fa entrare nel suo mondo di case in affitto e quartieri lontani dalla gentrificazione regalandoci la migliore malinconia estiva che potessimo desiderare.

Il disco non segue un filo logico ben preciso nella scrittura però ogni traccia non si discosta troppo dalle altre canzoni mentre se parliamo del sound del disco c’è un evidente differenza tra le tracce e possiamo dire che lascia spazio alla sperimentazione con la scusante che è un EP. Partendo da “Grigia Provincia” il disco si ammorbidisce fino a sciogliersi in “Vaniglia” e direi che le due tracce sono l’opposto. Tutto l’EP è stato mixato e masterizzato da Davide Pignataro (in arte Mr. Bacon) mentre l’idea iniziale delle produzioni parte quasi sempre da Spera ed è poi sviluppata sempre in studio con Davide.

Noi abbiamo iniziato come sempre col chiedergli qualcosa sul suo percorso scolastico.

Questo è un sito dedicato agli studenti. Quindi non possiamo che cominciare col chiederti qualcosa sul tuo percorso scolastico.
Sono un cattivo esempio, non ascoltavo e mancavo troppo spesso. Durante gli ultimi anni di scuola però anche ai professori arrivo la voce di Alte Frequenze e qualcuno più comprensivo capì che la mia passione era quella quindi qualche interrogazione l’ho patteggiata con un freestyle a cappella per un 6.

Hai mai studiato musica? Pensi che si possa fare musica senza studiarla?
L’ho studiata pochissimo ma creandola la si studia. Credo sia più un fatto di ispirazione ed aspirazione che di studio anzi spesso chi la studia non la crea ma la suona semplicemente.

Da dove arriva il nome “Spera” e perchè pensi ti rappresenti? Hai mai avuto altri nomi?
Spera è semplicemente il mio cognome e come può non rappresentarmi anche perché sono molto autobiografico. Sono nato come “Ghost” nel gruppo “Alte Frequenze”.

Sei riuscito a organizzarti per qualche data, per l’uscita di “Grigia Provincia”, il tuo disco di debutto?
Grazie a Giungla Dischi ho presentato l’Ep il giorno dopo l’uscita a Roma, ora ho una data a Borgo Universo ed una data il 17 Agosto al decennale del Rock Festival a Capistrello cioè proprio qui in provincia.

Quali sono i feedback che hai ricevuto sinora?
Rispetto alla mia carriera passata e per il mio periodo fermo ho perso ascoltatori ma chi c’è dentro vedo che lo ama, la maggior parte dei feedback sono positivi ed io sono soddisfatto del mio lavoro.

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0