Tempo di lettura: 1 Minuti

Matthew Lee, il suo speciale regalo di Natale: il 45 giri digitale “My Christmas Songs”

Matthew Lee, il suo speciale regalo di Natale: il 45 giri digitale “My Christmas Songs”

Matthew Lee presenta il suo speciale regalo di Natale: il 45 giri digitale "My Christmas Songs", disponibile nei principali digital store. Matthew

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di Nickel Kosmo
FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di nube
Per SonoAle i pensieri sono come “Foglie Al Vento”. FacceCaso al nuovo singolo!

Matthew Lee presenta il suo speciale regalo di Natale: il 45 giri digitale “My Christmas Songs”, disponibile nei principali digital store.

Matthew Lee presenta il suo speciale regalo di Natale: il 45 giri digitale “My Christmas Songs”, disponibile nei principali digital store dal 1 dicembre 2023.

“My Christmas Songs”, del pianista e performer Matthew Lee, contiene “Have Yourself a Merry Little Christmas” e “Run Rudolph Run”, personali versioni di due grandi classici della canzone internazionale. Il 45 giri digitale, pubblicato per CinicoDisincanto, cattura le diverse sfaccettature musicali del crooner: da un lato il suo spirito ribelle e Rock ‘n’ Roll, dall’altro, la sua anima romantica.

«Parlare di 45 giri può sembrare anacronistico, ma nella musica per me hanno sempre rappresentato, soprattutto nei juke box, i due volti di un artista, Lato A e Lato B – dichiara Matthew – e mai come in questo caso mi è sembrato una parallelismo efficace, dato che nel vasto repertorio delle canzoni di Natale, la scelta è caduta su due brani che rappresentano i due aspetti della mia personalità, l’anima Rock ‘n’ Roll e quella romantica».

Una ballad acustica eseguita al pianoforte, “Have Yourself a Merry Little Christmas” e un brano più tirato come “Run Rudolph Run”, sono infatti i due lati del 45 giri “virtuale” del pianista e performer, che si candidano a diventare colonna sonora del Natale 2023.

Un piccolo regalo, a conclusione di un anno strepitoso, che ha visto Matthew pubblicare due cover di Elvis Presley prima dell’estate (“Suspicious Minds” e “Can’t help falling in love”) e collezionare oltre 60 concerti dal vivo, toccando le piazze, i festival ed i teatri di tante città italiane tra cui Torino, Milano, Roma, Pescara, Cagliari, Udine, Porto Cervo, sconfinando spesso all’estero, con concerti in Germania, Svizzera, Spagna, Francia, Portogallo, Emirati Arabi e Uzbekistan.
Un tour alle spalle incredibile e già in calendario nuovi appuntamenti di rilievo: 30 e 31 dicembre 2023, a Dubai; 8 marzo 2024, Dubai; 5 aprile 2024, Chauny (FRA); 4 maggio 2024, Tashkent (UZB), International Jazz Festival.
Tutti gli aggiornamenti sul calendario e le informazioni sul sito: www.matthewlee.it

Chi è Matthew Lee

Matthew Lee nasce a Pesaro e da piccolo si innamora del Rock’n’Roll grazie ai dischi del padre, che gli fa conoscere Elvis Presley e Jerry Lee Lewis. Dimostrando talento ed amore innato per la musica, decide di frequentare il prestigioso conservatorio G. Rossini di Pesaro, da cui viene però radiato dopo quasi 9 anni, per incompatibilità del suo stile “esuberante” con gli studi classici. Ma proprio quello stile definito “esuberante” diventa la sua cifra stilistica e la sua fortuna.
Comincia da giovanissimo ad esibirsi dal vivo, e la sua carriera live cresce rapidamente: suona prima in Italia, ma presto comincia ad esibirsi in tutta Europa, e dopo il successo in Inghilterra, dove partecipa a numerosi Festival suonando prima di artisti del calibro di Van Morrison e Tom Jones, la stampa inglese lo definisce “The Genius of Rock’n’Roll”. Nel 2015 esce l’album “D’altri Tempi”, pubblicato con la storica etichetta milanese Carosello Records e con il singolo “È tempo d’altri tempi” è il vincitore assoluto del Coca Cola Summer Festival per la categoria giovani e viene definito “il nuovo fenomeno italiano del rock’n’roll”. Attualmente Matthew ha 7 album all’attivo, e con la sua band è in tour in tutto il mondo, con date in calendario in Francia, Germania, Svizzera, Stati Uniti, Dubai, oltre che in Italia.
Sui social ha grande seguito, e sono ormai famose le sue improvvisazioni al pianoforte negli aeroporti e nelle stazioni, tanto che l’aeroporto di Bruxelles lo ha nominato Ambasciatore dell’aeroporto Charleroi, dove spesso si ferma in occasione delle trasferte all’estero.

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0