Tempo di lettura: 1 Minuti

Scuola, arriva il mobility manager

Scuola, arriva il mobility manager

La nuova figura ottimizzerà i percorsi casa-scuola. Dal 2 febbraio i presidi dovranno scegliere chi, tra i professori di ogni istituto, divernterà il

Servizio militare? A noi sembra assurdo ma esiste ancora in 15 Paesi europei. Ecco quali
Villa Mirafiori, gli appuntamenti della settimana
Il 23 Marzo di nuovo in piazza per il clima

La nuova figura ottimizzerà i percorsi casa-scuola.

Dal 2 febbraio i presidi dovranno scegliere chi, tra i professori di ogni istituto, divernterà il nuovo “mobility manager” della scuola, senza che ci siano ulteriori oneri e su base volontaria. Troppo difficile? Allora, in parole povere verrà selezionato un professore/maestro volontario che gratuitamente gestisca il discorso spostamenti degli studenti. Telefonate alle aziende di trasporto e agli altri istituti, favorire l’utilizzo della bicicletta e formare gruppi di genitori che, a turno, accompagnino i ragazzi a scuola. Insomma, cose esistite praticamente da sempre ora avranno un gestore nell’individualità del manager. Del progetto è grande fautrice Legambiente, nella persona di Rossella Muroni, presidente della stessa: “Iniziamo a parlare del fatto che attorno alle scuole servirebbe ovunque il limite dei 30 Km/h; cominciamo a dire che la mobilità in auto andrebbe ridotta al minimo indispensabile. Noi di Legambiente abbiamo sempre lavorato in maniera concreta proprio in questo senso introducendo il piedibuse il bicibus. I dati raccolti dal mobility manager devono essere recepiti dagli enti, altrimenti non servirà a nulla”. E finalmente quindi, nell’era della futilità, del superfluo e degli sprechi i nostri poveri bambini avranno una figura a guidarli nel dedalo cittadino, un supereroe che li salvi dall’adulta barbarie e dall’inquinamentoatmosferico. In definitiva, una figura essenziale per uno stato che vuole crescere e diventare moderno. O almeno così pare. Forse.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0