Tempo di lettura: 1 Minuti

Missione 00 sigarette compiuta

I ragazzi di Monza non vogliono più fumo davanti alla loro scuola: chi viola il divieto sarà ammonito. Di Ludovica Gentili Sempre più bambini chiedono

Siena, vuoi studiare ma hai un figlio? No problem, ecco il Baby Point
Calcio e matematica insieme nelle maglie della Romania
Le scuole elementari del futuro sono già qui

I ragazzi di Monza non vogliono più fumo davanti alla loro scuola: chi viola il divieto sarà ammonito.

Di Ludovica Gentili

Sempre più bambini chiedono ai propri genitori di smettere di fumare e dal momento che si sa, sono la bocca della verità, non si lasciano sfuggire l’occasione per impedire alla propria mamma e al proprio papà di accendersi una sigaretta. Proprio per questo parte dall’istituto Alfieri di Monza, scuola elementare del quartiere San Fruttuoso, la campagna anti fumo messa in atto da tutti i bambini dell’istituto con il fine di impedire ai propri genitori di fumare nella loro area.

Una linea rossa ben marcata sull’asfalto a pochissimi metri dall’entrata, trionfa minacciosa e battagliera: è la traccia off limits dipinta dagli scolari per delimitare i confini entro i quali non è possibile per nessun genitore tirare fuori accendino e sigaretta. Timorosi e inteneriti non oltrepassano il confine, ma rispettano il volere dei propri figli, almeno all’uscita della scuola. Questo gesto nasce come effetto degli incontri contro il tabagismo a cui i bambini partecipano ogni anno grazie all’azione mossa dall’Istituto, che li sensibilizza ed educa sull’argomento. Chi violerà il divieto verrà sanzionato con una pena che prevede la consegna di bigliettini di ammonizione stabilita dai bimbi che giornalmente si battono per questa lotta in difesa loro e delle persone che amano di più al mondo.

Come racconta Chiara di 10 anni, non era possibile accettare la nube di fumo creata dai genitori nell’attesa fuori le mura dell’ Istituto, così lei stessa riunendo le forze di tutti i suoi compagni ha messo in piedi il bellicoso piano. Un progetto, la cui preparazione si è prolungata per un mese, ma i risultati sperati, sono stati sicuramente ottenuti. Secondo il Sindaco Roberto Scanagatti, questo sarà un ottimo modo per sensibilizzare i più grandi, con l’aiuto dei più piccini e si potrà sperare che crescano nell’idea che fumare è un vizio nel quale non si dovrebbe cadere mai.

Di Ludovica Gentili

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0