Tempo di lettura: 1 Minuti

Young Factor, il progetto che avvicina i ragazzi alla cultura finanziaria

Young Factor, il progetto che avvicina i ragazzi alla cultura finanziaria

A Firenze la seconda edizione del progetto che favorisce l’integrazione degli studenti italiani nel panorama economico internazionale. Di Silvia Carle

In Africa si insegna il cinese mandarino nelle scuole. Dal 2020 anche in Kenya
Corona d’alloro: perché si indossa?
Lo sviluppo della facoltà di giurisprudenza nelle università delle Marche

A Firenze la seconda edizione del progetto che favorisce l’integrazione degli studenti italiani nel panorama economico internazionale.

Di Silvia Carletti

Siamo adolescenti in una società che attraversa tempi difficili e spesso non riusciamo a comprendere la realtà che ci circonda, così complicata nelle sue espressioni, con le sue terminologie … allora cosa conviene fare per capire come gira il mondo, se non avvicinarci al sistema economico che muove tutte le relazioni internazionali?

Nasce per questo il progetto “Young Factor”, curato dall’organizzazione Osservatorio permanente Giovani-Editori e dedicato a tutti i ragazzi delle scuole superiori. Lo scopo è quello di far diventare i giovani “più padroni dei propri mezzi economici e finanziari”, e per questo il programma prevede l’incontro diretto fra studenti e protagonisti del mondo economico nazionale e internazionale. A partecipare all’iniziativa sono anche i tre maggiori istituti bancari italiani, Monte dei Paschi di Siena, UniCredit e Intesa San Paolo.

Quest’anno è Firenze ad ospitare la seconda edizione di Young Factor, la cui inaugurazione è avvenuta a Settembre presso il Teatro Odeon con la partecipazione del Governatore della Deutsche Bundesbank Jens Weidmann, del Presidente della 21st Century Fox James Murdoch e dell’ex governatore della Banca Centrale Europea Jean Claude Trichet. La possibilità di incontrare queste grandi personalità suscita l’interesse di moltissimi giovani, l’affluenza nei convegni passati conta la presenza di più di 800 studenti. I ragazzi possono inoltre usufruire del Libro di Lavoro, un testo scritto in collaborazione con i maggiori docenti universitari italiani e che segue da vicino gli studenti attraverso schede didattiche e videolezioni integrative.

Esattamente venerdì prossimo, 13 Maggio 2016, si terrà l’incontro finale il cui ospite è il Governatore della Banca Centrale d’Olanda, Klaas Knot. Le conferenze si tengono in lingua inglese, e ad accogliere i big dell’economia europea è il direttore dell’Osservatorio permanente Andrea Ceccherini: “Ci convince l’idea che l’ignoranza costi e che l’ignoranza economico finanziaria costi cara. Ci unisce l’obiettivo di lavorare, ognuno nel suo campo, per elevare l’alfabetizzazione economico-finanziaria dei cittadini, convinti come siamo, che l’investimento in conoscenza sia quello che paga il più alto tasso d’interesse. Come sosteneva Benjamin Franklin”.

La divulgazione della cultura economica è quindi l’arma vincente contro l’ignoranza e l’ “appiattimento dei cervelli”: Young Factor vuole plasmare giovani menti che siano in grado di applicare le proprie conoscenze ad alto livello, quello richiesto dall’economia mondiale, che vede l’Italia ancora troppo indietro rispetto le medie europee.

Di Silvia Carletti

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0