Tempo di lettura: 2 Minuti

Sbarca “TalentFarm”, la nuova frontiera della formazione

Sbarca “TalentFarm”, la nuova frontiera della formazione

Lo diciamo sempre, studiare è fondamentale, sia per quanto riguarda la crescita personale, che per quella professionale; ma se non fossi in grado di a

Informatica: sempre più richiesta sempre meno studiata
Le assurdità dal mondo: un Tinder per poligami
Italiani penultimi nell’occupazione giovanile

Lo diciamo sempre, studiare è fondamentale, sia per quanto riguarda la crescita personale, che per quella professionale; ma se non fossi in grado di applicare nella pratica il bagaglio di conoscenze acquisito? Niente panico, ora esiste “TalentFarm”.

Di Carolina Saputo

Parlando per metafore, per costruire un palazzo solido è necessario avere le giuste fondamenta (lo studio e le conoscenze), mentre per tirarlo su c’è bisogno dell’aiuto degli strumenti (le abilità pratiche); ma se la scuola non è in grado di formarti in modo completo, lasciandoti solo una parte di competenze, come rimediare?

Da oggi è semplice, basta chiamare “TalentFarm”. Il progetto nasce come StartUp di innovazione sociale proprio con l’unico obiettivo di colmare le purtroppo enormi differenze per ciò che riguarda la formazione scolastica italiana, ottima quando si parla di teoria, ma che inizia a vacillare quando si tratta di competenze da riutilizzare nel mondo del lavoro.

La geniale idea nasce da tre studenti bergamaschi, talentuosi senza dubbio e con la voglia di cambiare le cose, i quali partendo da zero hanno cominciato creando un network tra scuole e aziende all’interno della Lombardia, fino ad arrivare all’organizzazione di grandi eventi, e in particolare dell’ “evento” per eccellenza, un “insight Day” presso Citi, a Milano.

Nella prima parte della giornata, Carlo De Donato, Director Strateic Risk Solution Group, e Maurizio Gurgone, Director Pan European Equity Sales, hanno spiegato e illustrato il lato puramente teorico del mondo delle banche di investimento, in tutte le sue sfaccettature.

Nella seconda parte gli studenti partecipanti si sono dovuti realmente approcciare ad un caso di M&A (fusioni e acquisizioni), indossando per un giorno i panni di un analista di banca, mettendo in pratica solo ed esclusivamente le conoscenze acquisite negli interventi precedenti.

La riuscita di questo evento sicuramente si inserisce in un disegno ben più grande di TalentFarm, con la speranza di rivoluzionare, passo dopo passo, il sistema formativo italiano e a creare una reale opportunità di alternanza scuola-lavoro. Al di là dell’evento e dei progetti in porto, la diffusione di questa StartUp dimostra come per avere successo serva inevitabilmente il “Know How”: tu credi di averlo? Prova a sperimentarti.

Di Carolina Saputo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0